Menu

DS 3 Crossback nuove motorizzazioni in arrivo

DS 3 Crossback è il SUV compatto che nasce sulla piattaforma CMP

E’ l’acronimo di Common Modular Platform, ed introduce sul mercato una evoluzione del propulsore della nuova DS 3 Crossback

Grazie al suo design e alla tanta tecnologia di bordo, la compatta francese si pone l’obiettivo di offrire ai clienti ciò che essi cercano sul mercato.

DS 3 Crossback

L’evoluzione tecnologica, lo stile, l’eleganza tutta francese, danno  la possibilità di scegliere la motorizzazione preferita fra benzina, diesel o full electric; e questo è un punto di forza della strategia commerciale del brand di lusso di PSA.

Le dimensioni della DS 3 Crossback sono da vera compatta

Infatti, l’auto  è lunga  4,12  metri , larga 1,98 mt  ed alta 1,53 mt  con un  passo di 2 metri e 58 cm che  garantisce  una buona abitabilità interna  con  il bagagliaio che presenta una capacità variabile fra i 350 ed i 1.050 litri.

Esteticamente la Crossback riprende alcuni dettagli dalla DS7 Crossback come la grande calandra anteriore a diamante, denominata DS Wings, con  i gruppi ottici allungati Full Led che possono essere equipaggiati con la tecnologia Matrix Beam  per una miglior visiblità in qualsiasi condizione.

Alle motorizzazioni già presenti sul mercato si aggiunge ora il motore Blue HDi diesel 1.5 litri da 130 CV.

Il propulsore è stato rivisitato  per rispettare  le ultime normative in termini di inquinamento.

I tecnici sono riusciti a far scendere il particolato del 37%, rispetto alla versione precedente, passando da 0,65 mg/km a 0,41 mg/km, mentre le emissioni di CO2 sono passate da 124 g/km a 119 g/km, sempre nel ciclo misto WLTP, ottenendo così la nuova omologazione Euro 6d ISC FCM.

Ma oltre alla nuova propulsione, la DS 3 Crossback punta sulla sicurezza!

Dispone infatti, di altre interessanti caratteristiche come il sistema di frenata di emergenza che funziona fino a 140 km/h, il riconoscimento esteso della segnaletica stradale, il sistema di correzione automatico della traiettoria in caso di pericolo dell’angolo morto, e tanto altro ancora.

Giuseppe Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter