Menu

Lotus Evija slittano le consegne di 5 mesi

Pronti i primi esemplari di Lotus Evija

Lotus Evija si fa desiderare, i proprietari dovranno attendere il 2021 per avere le chiavi della hypercar.

Lotus Evija

I primi esemplari della Lotus, secondo il programma originale, dovevano essere consegnati nei primi mesi di quest’anno, ma le problematiche sorte in seguito alla pandemia da Covid19, hanno fatto slittare le consegne…

Slittano di cinque mesi le consegne della Lotus Evija

Lo ha ammesso lo stesso CEO della Lotus, Phil Popham, che in una intervista ha dichiarato : “Abbiamo perso cinque importanti mesi di test, soprattutto in Europa: ad esempio non abbiamo potuto sfruttare il bel tempo della Spagna per i collaudi su strada. Non è certo una situazione semplice”.

Nel rammarico per la ritardata consegna della Evija, i futuri proprietari riscoprono però un lato positivo.

Lotus Evija ha una potenza massima di 2.092 cavalli!

Infatti, durante i test su strada, sono state effettuate delle ulteriori messe a punto dell’aerodinamica  e del downforce che hanno i quattro motori elettrici montati sulla vettura a sviluppare una  potenza massima incredibile con una coppia di 1.700 Nm .

La nuova Evija accelera da 0 a 100 in meno di tre secondi e raggiunge una velocità massima di 320 km/h. i quattro motori elettrici sono alimentati grazie al pacco batterie agli ioni di litio.

Il pacco batterie, montato centralmente per consentire una guida più stabile, fluida ma soprattutto sportiva, assicura una autonomia di 400 km.

La vettura, pur se non ancora sulle strade, ha già riscosso un successo che nessuno si aspettava, con ordini ad alto livello tali da far dichiarare, sempre al CEO Phil Popham , le seguenti parole: “Questo è esattamente l’inizio che speravamo, Evija è un’auto eccezionale, progettata per rendere Lotus protagonista sul mercato come innovatore e leader tecnico” .

La Lotus Evija, con il suo nome che deriva dalla parola ebraica “chavvah” che significa “ vivere”, sarà venduta al prezzo di un milione ed ottocentomila euro.

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter