in , ,

Suzuki Across Plug-in – Evoluzione ibrida

Suzuki Across Plug-in è un SUV robusto e sportivo

Tempo di lettura: 5 minuti

Suzuki Across Plug-in è un SUV robusto e sportivo, il primo modello che nasce grazie all’accordo tra la Suzuki e Toyota Motor Corporation.

Il nuovo Suzuki Across Plug-in è dotato di un powertrain composto da un motore termico 4 cilindri da 2.5 litri a ciclo Atkinson, con una potenza di 182 CV e da due motori elettrici posizionati il primo sull’asse anteriore e capace di sviluppare una potenza massima di 182 CV ed il secondo posizionato sull’asse posteriore in grado di erogare 54 CV.

Suzuki Across PHEV

E’ poi presente un motogeneratore, che svolge le funzioni di ISG , acronimo di Integrated Starter Generator e  dunque un alternatore, un motorino di avviamento e, in caso di necessità, una unità di supporto aggiuntivo per la trazione.

Tutto questo si traduce in una potenza massima combinata di 306 CV, una velocità massima autolimitata di 180 km/h ed una capacità di accelerazione da 0 a 100 km/h in 6 secondi.

Il powertrain può essere considerato uno dei punti di forza della Suzuki Across Plug-In

Il sistema di alimentazione della nuova Across Plug-In è caratterizzato da una batteria da 18,1 kWh, è in grado di garantire fino a 98 km di autonomia in puro elettrico sui percorsi urbani e 75 km nel ciclo misto.

Il sistema ibrido della nuova Suzuki Across Plug-In può essere gestito attraverso quattro modalità:

  • EV che dà la precedenza alla trazione con il motore elettrico, trasformando Across Plug-In in una vera e propria vettura elettrica;
  • Auto EV/HV , modalità  che consente alla vettura di ripartire automaticamente il funzionamento tra la modalità puramente elettrica e quella ibrida, sulla base delle condizioni di carica della batteria e il tipo di percorso;
  • HV che è la  modalità che consente di impostare  la combinazione di motore termico e motore elettrico, per massimizzare le performance della vettura;
  • CHG che  attiva il motore termico con lo scopo di ricaricare al massimo la batteria, nel caso in cui non si avesse a disposizione una presa di ricarica ma si desiderasse comunque affrontare i km successivi in puro elettrico.

Alle  quattro modalità di gestione del sistema ibrido si affiancano tre diverse modalità di guida :

  • Eco , che ottimizza la risposta dell’acceleratore e il setup dei sistemi di bordo, come il climatizzatore, per garantire la massima efficienza e il minimo delle emissioni e dei consumi;
  • Normal, modalità  pensata per la guida di tutti i giorni, in grado di bilanciare in maniera ottimale performance e consumi;
  • Sport che è la modalità da usare  quando si desidera sfruttare a pieno tutta la potenza garantita dai tre motori

Il design sportivo ma nello stesso tempo forte  trova conferma  nell’ampia griglia frontale e nel  paraurti con Skid plate silver nella parte inferiore che contribuiscono  ad accentuarne la grinta.

Tra gli  equipaggiamenti vi sono sofisticati proiettori a LED a doppio fascio, che combinano abbagliante, anabbagliante e luci diurne a LED,  cerchi in lega da 19”con finitura  nera  lucida e una distintiva superficie diamantata.

Per la carrozzeria è possibile scegliere frasei diversi colori, tutti metallizzati con tetto e calotte degli specchietti retrovisori  a contrasto: Bianco con  tetto Silver, Nero con tetto Silver, Blu con tetto Silver,  Rossocon  tetto Silver, Argento con  tetto Nero, Grigio con  tetto Nero.

L’abitacolo è particolarmente curato  con l’impiego di materiali pregiati sulla plancia, sugli interni delle portiere, sul bracciolo centrale e sui sedili dal taglio sportivo e che ben si abbinano al carattere dinamico della vettura.

Suzuki Across Plug-in è offerta nell’ unico allestimento “Yoru” che nella lingua giapponese indica la notte e la sua bellezza.

La dotazione estremamente ricca della vettura  prevede il sedile del guidatore regolabile elettricamente e dotato di supporto lombare, anch’esso elettrico, il volante in pelle regolabile in altezza e profondità,  dotato di paddle del  cambio ed è riscaldabile così come sono riscaldabili tutte le sedute.

Particolare è il sistema di climatizzazione automatico bi-zona con modalità S-Flow.

Con questa modalità attiva il sistema riconosce automaticamente quali sedili sono occupati e limita il flusso di aria e il raffreddamento / riscaldamento per le aree non necessarie dell’abitacolo, riducendo così gli sprechi di energia.

La vettura è dotata di sensori di parcheggio anteriori e posteriori e di videocamera posteriore, mentre l’accesso e l’avviamento avvengono con il sistema “chiavintasca” keyless.

Ulteriori contenuti per migliorare il confort di bordo sono i sensori luce e pioggia, il dispositivo “partifacile” (Hill Hold Control) e lo specchietto retrovisore elettrocromico. Il cruise control è  adattativo ed in caso di incolonnamenti è in grado di arrestare la vettura per poi riprendere la marcia quando il traffico riprende a scorrere.

La Suzuki Italia ha trovato un modo simpatico ma molto intuitivo per  denominare i vari sistemi di assistenza alla guida: ed ecco “attentofrena” , cioè  la frenata automatica d’emergenza, con riconoscimento sia dei pedoni che dei ciclisti, il “guidadritto”  che è il  mantenimento attivo della corsia , il “restasveglio” che è il  sistema di monitoraggio dei colpi di sonno,  “occhioallimite”  che  è il sistema di riconoscimento dei segnali stradali,  ed il “guardaspalle” , sistema che è in grado di monitore gli angoli ciechi.

Ed ancora  il “vaipure” , sistema che monitora gli angoli ciechi in fase di retromarcia, il  “nontiabbaglio”  che consiste nella  commutazione automatica abbaglianti-anabbaglianti, in grado di riconoscere la presenza di vetture che precedono o sopraggiungono nella direzione opposta ed il “fermolì”  che è il sistema automatico anticollisione durante le manovre di parcheggio.

Across Plug-In Yoru è dotata di un sistema infotainment con schermo touchscreen da 9”oltre alla dotazione, sempre di serie  di Apple CarPlay, Android Auto  e MirrorLink  e del  sistema Bluetooth.

Prova su strada Suzuki Across Plug-in

Curiosi di scoprire le qualità dinamiche della nuova ibrida di casa Suzuki, la Across Plug-in abbiamo percorso oltre 600 chilometri tra città, autostrada e montagna.

Ciò che risalta subito sin dai primi chilometri è la grande silenziosità di marcia, soprattutto quando si avanza in modalità full electric, si viaggia nel più totale comfort acustico, merito di una insonorizzazione perfetta dell’abitacolo e… della tecnologia plug-in hybrid.

I 75 chilometri reali (ciclo WTLP) sono assolutamente una certezza, con il motore endotermico pronto ad entrare in azione, quando si richiede più potenza del dovuto e con una grafica digitale presente sul sistema di infotainment centrale, che informa sempre guidatore e passeggeri dello stato di salute e funzionamento dell’alimentazione ibrida di “bordo”.

Gli oltre 300 cavalli a disposizione regalano una spinta notevole soprattutto quando si inizia a “giocare” con le varia modalità di guida disponibili (ben quattro), scegliendo quella automatica e richiedendo al tempo stesso alla vettura la massima potenza disponibile.

Nonostante le dimensioni imponenti, in questo frangente la nuova Across Plug-In diventa una scheggia con una spinta considerevole.

In autostrada massimo comfort, acustico e di bordo, in città tutto ciò è amplificato, visto che realmente il benessere per guidatore e passeggeri è notevole, complice anche un impianto audio, dalla notevole resa acustica.

In montagna viene il vero divertimento, perché non ti aspetti da una SUV di oltre 4,6 metri una tale agilità e soprattutto grip, perché nei tornanti, la notevole coppia a disposizione, metterebbe in crisi qualsiasi vettura ed invece questa Suzuki avanza che è un piacere, con la massima sicurezza.

Ciò che si può annoverare al SUV nipponico è la sua naturalezza di accompagnare il guidatore in ogni situazione, dove la notevole autonomia (tra endotermico ed elettrico abbiamo superato i 700 chilometri reali) consente gite ad ampio raggio.

Indovinato nell’estetica e nei contenuti, sicuramente tra le grandi novità del 2020 e con molta probabilità solo l’inizio di una lunga serie di plug-in firmate Suzuki.

Marco Lasala

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Maserati Ghibli Hybrid

Maserati Ghibli Hybrid – Elettronica Bosch

BMW X1 2023

BMW X1 2023 – Una plug-in hybrid protagonista