Menu

Alfa Romeo a motore centrale: un sogno che potrebbe…

Alfa Romeo render a motore centrale è firmato CarLifestyle.

Questo sportivissimo render a motore centrale, è il frutto  dell’unione di due auto, la performante Ferrari F8 e la potente Alfa Romeo Giulia GTAm.

Alfa Romeo

Prima della dolorosa scomparsa di Marchionne la Casa del Biscione aveva in programma la produzione dell’erede della 8C  con circa 700 CV ed una nuova GTV da 600 CV.

Purtroppo, con enorme delusione degli appassionati Alfa, ma non solo, questi due progetti non videro mai la luce perché si è deciso di puntare su SUV e crossover.

Alfa Romeo è sinonimo di sportività e piacere di guida!

I motivi alla base di questa scelta sono puramente economici e legati al volume di vendite delle auto sportive basso, e i fondi da destinare alla ricerca e sviluppo.

Una piccola speranza ora si apre con la fusione fra la FCA e PSA e la nascita della nuova società Stellantis i cui manager potrebbero tirare fuori dal cassetto il progetto di una supercar a motore centrale, in un primo momento promesso e successivamente dimenticato.

In questo contesto si inserisce la divulgazione di questo render a motore centrale che potrebbe prendere il meglio dell’Alfa Giulia GTAm e della Ferrari F8 Tributo.

La Giulia GTAm è la versione supersportiva della Giulia con il suo V6 biturbo da 2,9 litri ed una vasta utilizzazione di materiali leggeri come fibra di carbonio e Lexan che assicura  un peso potenza di 2,82 kg/CV, rapporto mai raggiunto in Casa Alfa.

La Ferrari F8 Tributo è la terza vettura di Maranello, dopo la 458 e la 488, a presentarsi con il suo V8 biturbo da 3.9 litri capace di sviluppare 720 CV con una coppia di 770 Nm .

Non una Giulia GTAm ma una vera Alfa Romeo a motore centrale!

Il render predisposto digitalmente si presenta con il frontale della Giulia GTAm, con nuove prese d’aria sui passaruota posteriori,, cerchi total black, un vistoso alettone posteriore è l’immancabile ed iconico Quadrifoglio Verde, emblema ormai delle auto più performanti della Casa del Biscione.

Il propulsore, predisposto centralmente, non può non essere quello tipicamente Ferrari!

E’ troppo ardito il sogno? Si, ma a volte, seppur raramente, i sogni diventano realtà.

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter