Menu

Zenvo TSR-S : la supercar da 1.000 cavalli!

Zenvo TSR-S è un’auto maestosa , lunga 4,82 mt  e larga oltre 2,0 mt.

Tale sensazione viene data dall’ala posteriore che, in curva, si inclina verso l’esterno, in modo abbastanza vistoso, per produrre forza aerodinamica che la tenga incollata al suolo.

Zenvo TSR-S

Una soluzione originale ed unica nel mondo. Del resto la potenza è tanta.

La vettura è dotata di un V8 da 5.8 litri capace di erogare una potenza di 1.177 cv  con una trasmissione sequenziale da competizione ad innesti frontali, e con la possibilità di usare i paddle al volante qualora si usi l’auto su strada.

La Zenvo TRS-S può dirsi sia una vettura ibrida, poiché è dotata di un piccolo motore elettrico che contribuisce a fornire un piccolo aumento di potenza,  un ulteriore controllo di trazione e perfino dà la possibilità di effettuare la retromarcia solo in modalità elettrica.

Con la potenza scaricata al suolo sulle ruote posteriori, le prestazioni sono da brivido: il percorso 0 – 100 effettuato in 2,8 secondi, 0 – 200 in 6,8 secondi ed una velocità, limitata elettronicamente di 325 km/h.

Il telaio della vettura è in alluminio, mentre tutta la carrozeria è in fibra di carbonio : le sospensioni utilizzano ammortizzatori regolabili su tre posizioni ed i freni in carboceramica di rilevanti dimensioni (415 mm) gli anteriori, con pinze fisse a sei pompanti.

L’abitacolo è molto raccolto, con i due posti separati da un rilevante tunnel  centrale su cui è stato posizionato il joistick del cambio . I due passeggeri hanno la sensazione di essere seduti a terra ed in effetti la seduta è a pochi centimetri dal suolo.

Davanti al guidatore è posto uno schermo Tft che fornisce tutte le informazioni  di bordo,  mentre al centro della plancia è stato collocato lo schermo del sistema multimediale. Sul volante sono poste due manopole per poter gestire al meglio il potente propulsore ed il cambio.

L’auto viene prodotta solo in 5 esemplari all’anno.

Il prezzo? Si parte da una base di 1,45 milioni di euro.

Giuseppe Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter