Menu

Lanzi e Badovini guadagnano punti

Ayrton Badovini con il risultato del weekend di Motorland Aragon guadagna una posizione nella classifica del mondiale SBK. Un punto iridato per Lanzi in gara 2. In Superstock, podio per Zanetti (2°) e quinto posto per Barrier. Il risultato del progresso del BMW Motorrad Italia Superbike Team è la conquista del decimo posto nella classifica del Campionato Mondiale Superbike da parte di Ayrton Badovini. Infatti dopo Misano Ayrton era in undicesima posizione – sia pure a pari punti con il decimo – ma oggi è salito nella top ten da solo ed a pieno titolo. In gara 1 ha concluso in ottava posizione conquistando i primi otto punti, mentre nella seconda la scelta del pneumatico non lo ha favorito facendolo terminare al decimo posto.

Ayrton ha dichiarato: “Sono soddisfatto del week end perché abbiamo migliorato e siamo cresciuti costantemente. Siamo riusciti anche a migliorare nel nostro punto debole, quello della partenza. In gara 1 siamo andati abbastanza bene, mentre nella 2 abbiamo fatto delle scelte che non hanno dato i risultati attesi. Questo ci ha dato indicazioni sul comportamento della moto, consentendoci di fare ulteriore esperienza”.

Lorenzo Lanzi ha conquistato un punto mondiale in gara 2 dopo essere stato costretto al ritiro in gara 1 a causa in un problema tecnico che gli ha fatto imboccare anzitempo la via dei box.

Gara Superstock al cardiopalma, Lorenzo Zanetti è stato protagonista di una buona prestazione con una gara tutta all’attacco. Il pilota di Brescia ha impegnato, nella parte finale, Davide Giugliano (Ducati) provando in un paio di occasioni a passarlo. Dopo aver corso un grosso rischio negli ultimi metri nel tentativo di superare il romano, ha chiuso la gara in seconda posizione, questo risultato gli consente di conservare il terzo posto nella FIM Cup. Sylvain Barrierera con i primi fino a che nel corso del nono giro è stato protagonista di un fuori pista dal quale è rientrato in quinta posizione che ha conservato fino al termine.

Zanetti ha detto: “Abbiamo lavorato molto bene con il team, dimostrando di essere presenti e reattivi. La gara è stata tiratissima: in alcuni punti la nostra moto era meno a posto e ho guidato al limite, come si è visto negli ultimi giri. Il campionato è lungo e i giochi sono aperti”.

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter