in ,

WSBK 2010 Misano – Corser segna la sua prima superpole (con record) con la BMW

troy_corser_misanoIl Misano World Circuit ha dato alla BMW la soddisfazione della prima pole position (dopo il podio conquistato a Monza) con Troy Corser. L’australiano ha preceduto di quasi mezzo secondo Max Biaggi.
Con un fantastico tempo che ha abbassato di quattro decimi il record ufficioso precedente, Troy Corser (BMW Motorrad) partirà per la 43esima volta dalla pole position. L’australiano, molto veloce in tutte le sessioni, ha preceduto di mezzo secondo Max Biaggi (Aprilia Alitalia) e sei decimi Michel Fabrizio (Ducati Xerox) e Cal Crutchlow (Yamaha Sterilgarda) che partiranno dalla prima fila.
Seconda fila per Carlos Checa (Althea Racing Ducati), Sylvain Guintoli e Leon Haslam (Suzuki Alstare) e l’ottimo Luca Scassa, in continua ascesa. Più indietro gli altri protagonisti del campionato: Noriyuki Haga (Ducati Xerox) dalla terza fila, mentre James Toseland (Yamaha Sterilgarda) e Jonathan Rea (Hannspree Ten Kate Honda), che non sono riusciti a tenere il passo dei primi, si schiereranno in quarta fila.

Troy Corser: “Non so chi è più vecchio, io o Max, ma eccoci qui insieme! Sono molto soddisfatto con quello che abbiamo fatto oggi, non ottenevo la pole da tanto tempo, ma la squadra ha lavorato sodo dopo la gara di Miller e questo è un ottimo risultato. Se riusciamo a partire bene domani, attaccherò dall’inizio e vedremo come vanno le cose.”

Max Biaggi: “Sono molto soddisfatto di questo risultato che, se devo essere sincero, forse neanche mi aspettavo. Questa è una pista dove è molto difficile sorpassare e quindi partire lì davanti è importante, sono veramente contento.  Nell’ultimo giro ce l’ho messa tutta e sono stato davvero veloce ma ora quello che conta è essere consistenti per tutta la gara. Qui in molti, e non solo Troy, sono in grado di girare veloci e lo hanno dimostrato anche oggi, domani dobbiamo cercare di stare attaccati ai primissimi.”

 Michel Fabrizio: “E’ molto importante partire dalla prima fila qui a Misano, dove non sono mai andato bene. Ho fatto un piccolo errore nell’ultimo giro quando ho visto la bandiera a scacchi troppo tardi per poter aggiungere un altro giro. Nelle gare di domani i primi giri saranno difficili, non voglio essere polemico ma ancora una volta ci mancano un più di cavalli nei confronti degli altri, ma vedremo di fare due belle gare.”

Cal Crutchlow: “I test sono andati abbastanza bene, ma vorremmo avere un pò di materiale in più da provare perché adesso che siamo qui per la gara abbiamo lo stesso passo dei test e l’assetto e’ uguale. Dobbiamo trovare qualcosa in più perchè gli altri vanno veramente forte, ma in ogni caso complimenti a Corser. Sono soddisfatto di essere in prima fila per le gare di domani.”

I tempi: 1. Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 1’35.001 (160,141 km/h);2. Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 1’35.502; 3. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 1’35.680; 4. Crutchlow C. (GBR) Yamaha YZF R1 1’35.683; 5.Checa C. (ESP) Ducati 1098R 1’35.851; 6. Guintoli S. (FRA) Suzuki GSX-R1000 1’36.096; 7. Haslam L. (GBR) Suzuki GSX-R1000 1’36.302; 8. Scassa L. (ITA) Ducati 1098R 1’36.607; 9. Haga N. (JPN) Ducati 1098R 1’36.093; 10. Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 1’36.170; 11. . .

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

De Puniet chiude sesto il GP di Assen dopo un finale da cardiopalma

WSBK 2010 – Biaggi si conferma padrone anche a Misano