Menu

Peugeot 205 GTI – Un restauro la riporta in vita!

Peugeot 205 era un’autovettura di segmento B di media cilindrata, prodotta tra il 1983 ed il 1999 dalla casa del leone.

Per una decina d’anni la Peugeot 205 è stata un best seller senza precedenti con oltre cinque milioni di esemplari venduti.

Peugeot 205 GTI

Al debutto la vettura venne equipaggiata con diversi propulsori, il più grande dei quali era disponibile in due livelli di potenza: alla base  il propulsore da 954 cc con 45 CV di potenza, seguito dal 1124 cc da 50 CV di potenza massima  e dal 1360  cc disponibile nella versione da 60 CV e da 80 CV.

Gli allestimenti con l’evoluzione dei propulsori nel corso degli anni  furono diversi, e l’esemplare più potente arrivò ad  esibire un motore da 1.9 litri capace di sviluppare 130 CV.

Per festeggiare al meglio i 210 anni della Peugeot, l’associazione “L’Aventure Peugeot” ha varato un programma che prevede il restauro e la successiva vendita di auto d’epoca.

Prima di essere messi in vendita, le vetture saranno totalmente restaurate presso le officine  del Musée del’Aventure Peugeot,  a Sochaux, e fornite, a conclusione dei lavori, di un certificato  di restauro.

La prima vettura ad inaugurare il programma è stata la più iconica delle auto della Casa del Leone.

La Peugeot 205 GTI ad iniezione elettronica aveva una potenza massima di 130 CV .

Le fasi del restauro, documentate con video e foto, sono state eseguite da un team  di carrozzieri, tappezzieri, meccanici ed elettrauti, che  hanno  lavorato sulle varie componenti della 205 GTI per riportarla al suo splendore originale , e in tutti gli interventi sono stati usati ricambi originali.

Dal prossimo anno l’Aventure Peugeot  sul suo sito ufficiale aprirà una sezione speciale,  e chiunque potrà  vedere quali auto saranno restaurate ed eventualmente comprarle.

Una piccola che continua ad esser apprezzata nonostante siano trascorsi decenni, ancora oggi i nostalgici degli anni’90 ricordano la GTI!

Del resto la Peugeot 205 rappresenta un’epoca unica.

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter