in ,

F1 – Hamilton vince il Gp del Bahrain davanti ad un grande Verstappen

Un finale al cardiopalmo quello della prima gara della F1 con Verstappen che una volta superato Hamilton, gli ha ridato la posizione…

Tempo di lettura: 4 minuti

F1 – La prima gara dell’anno la vince lui il campione del mondo in carica Lewis Hamilton su Mercedes davanti a Verstappen

Un finale al cardiopalmo quello della prima gara della F1 con Verstappen (Red Bull) che una volta superato Hamilton, gli ha ridato la posizione per averlo superato fuori dalla pista.

Terzo sul gradino del podio Valterri Bottas con l’altra Mercedes.

Poi la Mclaren di Norris, quarto, quinto Perez (Red Bull) partito dalla pit lane, sesto il ferrarista Leclerc, settimo Ricciardo con l’altra Mclaren, ottavo Sainz con la seconda Ferrari, e chiudono la top ten Tsunoda il giapponese dell’Alpha Tauri e Stroll con la debuttante Aston Martin.

La prima gara della Campionato Mondiale di F1 conferma una Red Bull fortissima con Verstappen e con lo stesso Perez, un super Hamilton, oggi ha vinto lui e non la macchina più forte, in pista ne aveva di più la Red Bull.

F1 - Bahrain  -Lewis Hamilton-1

Poi c’è una Mclaren che con la nuova power unit Mercedes si pone come terza forza dietro Red Bull e Mercedes

La Ferrari è sicuramente più veloce rispetto alla SF1000 dello scorso anno, ma deve lavorare ancora tanto per lottare per il vertice.

Delusione per Alonso (Alpine), dopo aver fatto una bella gara è stato costretto al ritiro al 34° giro. Prima gara combattuta che conferma come quest’anno non sarà una passeggiata per Hamilton con Verstappen e la Red Bull al top.

Il commento a caldo dei primi tre al traguardo dopo la prima gara del Campionato Mondiale di F1

Lewis Hamilton
“E’ bellissimo rivedere i tifosi dopo tanto tempo. Max è stato fantastico tutto il week end, è stato difficile e alla fine ce l’abbiamo fatta.
Grazie a tutti i ragazzi qui e in fabbrica che continuano a spingere sempre.
Una delle gare più dure degli ultimi tempi.
È solo la prima e sono già emozionato: che bel 2021!”

Max Verstappen:
“È un peccato perdere ma vediamo la cosa in positivo: siamo in lotta. Penso che abbiamo avuto un problema di acceleratore per tutta la gara, mai del tutto risolto”.

Valtteri Bottas:
“Deludente da parte mia. Ho dovuto un po’ difendermi piuttosto che attaccare e non è normale. Il mio pit stop è stato molto lento e allora ho perso ogni chance. Avevamo ampia scelta tattica ma si poteva far di più”

La gara della F1 sul circuito del Bahrain giro dopo giro:

Perez fermo alla fine del primo giro di formazione dell’anno ed è costretto a partire dalla pit lane e tutti i piloti sono stati costretti a fare un ulteriore giro di formazione.

Al via Verstappen mantiene la prima posizione su Hamilton e Bottas, ma è Leclerc che attacca e conquista la terza posizione sul finlandese.

Alla ripartenza dopo 3 giri dietro alla safety car per l’incidente del pilota russo Mazepin con la Haas c’è un contatto dietro che coinvolge Gasly con l’AlphaTauri.

Al sesto giro Verstappen, Hamilton, Bottas, Leclerc, Norris, Ricciardo.

Al 9 giro Lando Norris su Mclaren supera la Ferrari di Leclerc.

12° giro pit stop per Fernando Alonso con la sua Alpine, primo tra i pilota che montano le gomme rosse.

13° ai box Norris e Leclerc, e Stroll.

14° Hamilton e Ricciardo ai box. 15° Hamilton supera Sainz. Giro più veloce di Norris.

16° Sainz ai box monta le gomme gialle. Verstappen primo, secondo Bottas, terzo Hamilton, quarto Perez, quinto Norris.

17° giro, Bottas si ferma ai box .

18° giro Verstappen si ferma ai box ed è dietro Hamilton che passa al comando della gara

19° giro Hamilton, Verstappen, Bottas, Perez, Norris, Leclerc, Ricciardo, Vettel, Stroll, Alonso.

20° Perez ai box

21° bella lotta a tre tra Alonso, Vettel e Sainz e ad avere la meglio e il neo pilota della Ferrari sui due campioni del mondo di Alpine e Aston Martin

24° Hamilton, Verstappen, Bottas. Problemi al suo pit stop qualche giro fa per Giovinazzi con la Alfa Romeo che ha perso 10 secondi.

25° Pit stop per Vettel. Perez partito dalla pit lane sorpassa Sainz.

26° Girano più o meno sugli stessi tempi Hamilton e Verstappen

28° giro Verstappen si fa sotto e si porta a due secondi da Hamilton.

29° giro Hamilton si ferma ai box e reagisce all’attacco della Red Bull.

31° giro problemi per Bottas al pit stop, persi più di dieci secondi e la posizione a vantaggio di Norris e Leclerc.

33° giro Leclerc e Ricciardo ai box entrambi con gomma bianca e rientrano in ottava e nona posizione.

34° giro ritiro per Alonso che si ferma ai box per un problema ai freni.

34° giro Verstappen, Hamiton, Bottas, Perez, Sainz, Norris, Leclerc, Ricciardo

38° giro Sainz cambia le sue gomme e rientra al nono posto. Ottima gara del debuttante giapponese Tsunoda con la Alpha Tauri che supera l’Alfa Romeo di Raikkonen portandosi in decima posizione.

40° giro si ferma Verstappen che lascia la prima posizione ad Hamilton.

42° giro Hamilton davanti con 6 secondi di vantaggio su V erstappen. L’olandese però recupera sulla Mercedes del campione del mondo.

44° giro Hamilton, Verstappen, Bottas, Norris, Leclerc, Perez, Ricciardo, Stroll, Sainz, Tsunoda.

45° giro contatto tra Ocon su Alpine e Vettel Aston Martin. Il tedesco lo tampona ma entrambi continuano.

46° giro Hamilton davanti a Verstappen con 3 secondi e 8 decimi di vantaggio.

48° giro sui 56 totali, Verstappen si porta a due secondi e quattro decimi. Si preannuncia un finale incandescente per la vittoria.

51° giro Hamilton va lungo e Verstappen si porta a sei decimi.

53° giro Verstappen supera Hamilton ma ridà la posizione ad Hamilton.

56° giro Hamilton vince il Gp del Bahrain davanti a Verstappen, terzo Bottas autore del giro più veloce, quarto Norris, quinto Perez, sesto Leclerc, settimo Ricciardo, ottavo Sainz, nono Tsunoda, decimo Stroll.

Carlo Rallo

Scritto da Carlo Rallo

Classe ’76, siciliano, di Marsala, giornalista pubblicista, sono cresciuto a pane, latte e motori.
La prima volta dietro al volante? A dieci anni, in un piazzale, con una Opel Corsa berlina 1.2 GL con papà accanto e una Ferrari Testarossa di color nero che mi veniva incontro e mi distraeva dalla guida.
Mi occupo da vent’anni di informazione legata al mondo dei motori. Collaboro con diverse testate e con una radio, dove curo la rubrica motori.
Scrivo di auto-prodotto, mercato, saloni, sicurezza, tecnica e economia dell’auto e motorsport.
Le mie passioni? Beh, manco a farlo apposta, sono le auto di cui amo fare le prove su strada e pista, descriverne pregi, difetti e le sensazioni ai lettori e il motorsport, in particolar modo, su tutti, la Formula 1 che, nonostante l’avvento della “Power Unit”, continua, per il sottoscritto, ad essere lo sport più bello del mondo.

Nissan Qashqai 1.3 DIG-T 160 N-TEC

Nissan Qashqai 1.3 DIG-T 160 N-TEC – Dotazione e sicurezza

Pagani Huayra R

Pagani Huayra R – La hypercar sfreccia sul circuito di Imola