Menu

Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm : 540 cv e -100kg!

Alfa Romeo Giulia GTA … eccola!

Sembrava già aver raggiunto il massimo ed invece, dopo la Quadrifoglio, da Torino arriva, un’altra graditissima sorpresa: è la nuova Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm .

Alfa Romeo Giulia GTA

Cattivissima, racing, ricca di soluzioni che sembrano esser derivate dal mondo racing, la sua grinta è visibile, tangibile, sin dal primo sguardo, la sua purezza, è qualcosa di unico.

Osservando il suo frontale, il paraurti è notevolmente cambiato, restano gli sfoghi d’aria sul suo lungo cofano motore, quest’ultimo realizzato in fibra di carbonio, stesso materiale, composito, utilizzato per tetto, e baule.

Il nome è GTA e GTAm e le loro potenze sono inverosimili!

La punta massima del V6 Biturbo da 2,9 litri, ben 540 cavalli, una potenza vertiginosa se pensiamo alla cubatura ed al suo frazionamento, mentre per il peso, la GTAm è più leggera di 100 kg, per via di diverse soluzioni estreme, vedi l’abitacolo o l’eliminazione del… superfluo.

Dalla casa del Biscione devono ancora arrivare conferme e dati ufficiali, ma se la Quadrifoglio superava abbondantemente i 300 km/h mentre nel classico 0-100 km/h il suo 3,9 secondi potrebbe essere ulteriormente “smentito”…

100 kg in meno, circa 20 cavalli in più, numeri che più che in termini di velocità massima ed accelerazione, si potrebbero tradurre in un ulteriore piacere di guida o meglio, visto il DNA delle nuova Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm, in un impiego in pista, ancora più proficuo!

Manca poco, sognare o ipotizzare non costa nulla, di sicuro questa è una prima assoluta, ora staremo a vedere se le nostre supposizioni saranno suffragate da dati ufficiali altrettanto validi e clamorosi.

In un “Salone di Ginevra 2020” virtuale, visto il suo recente annullamento, poco usuale, emozionarsi non può che emozionare l’arrivo di sportivissime che fanno presupporre una cura adrenalinica e di cavalli, da vera… Fast&Furious .

Vedremo o meglio… attenderemo la sua prima ufficiale e… test drive, in pista!

Leonardo Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter