in

Go Live Camper & Caravan

Tempo di lettura: 3 minuti

Super appassionati, campeggiatori di ritorno e turisti per caso colpiti dalla crisi: quest’anno il camper (o la roulotte) torna più che mai ad essere il protagonista delle vacanze degli italiani. Ma tra aree di sosta introvabili, strade inaccessibili e servizi insufficienti, non sempre tutto fila liscio. A sorpresa infatti, le regioni più “camper friendly” d’Italia sono Marche e Lazio, che battono le più blasonate Emilia Romagna e Toscana. E Lombardia e Sardegna finiscono a fondo classifica.
Questi i risultati dell’indagine sulle aree di sosta per camper e roulotte realizzata da Camperonline.it e PleinAir per TomTom, monitorando aree attrezzate, quelle con carico e scarico acque, luoghi per la sosta notturna e aree autostradali. L’indagine ha permesso di tracciare la fotografia aggiornata a luglio 2012 del quantitativo di aree presenti in ogni singola regione comparato con l’estensione del loro territorio per stabilirne la diffusione media per km.
La regione Marche si conferma il paradiso dei camperisti, con un’area ogni 29 km: dalla riviera del Conero, alle Grotte di Frassassi, passando dalla splendida Urbino, la quindicesima regione italiana per estensione è dotata di 322 aree, di cui ben 160 completamente attrezzate, primato assoluto condiviso con la regione Puglia.
Al secondo posto il Lazio, con 308 aree, una ogni 35 km, di cui un terzo, 100, completamente attrezzate. Al terzo la Valle d’Aosta, dotata di un’area ogni 38 km (solo 85, ma in un territorio decisamente più piccolo rispetto alle altre regioni italiane). A seguire Emilia Romagna e Toscana (che comunque è la regione con più aree in assoluto, ben 539).
Restano fuori dalla prime posizioni le regioni del Sud Italia, presenti in gran parte a fondo classifica, in compagnia però di un’ospite d’eccezione: la regione Lombardia, che se primeggia in tante classifiche per i servizi che offre ai cittadini, in questo caso è solo quintultima (16° posto): il suo ampio territorio è servito da 317 aree, una ogni 75 km.
Peggio della Lombardia troviamo la Campania, con 1 area ogni 84 km, la Calabria, 1 ogni 95 km e la Sardegna. L’isola è meta di un turismo legato a mezzi diversi da quelli ricreazionali, e offre quindi poche infrastrutture ad essi dedicate: 1 area ogni 105,1 km. Ultima sia nella classifica relativa alla superficie, sia in quella assoluta, la Basilicata. Qui la diffusione è la metà rispetto a quella della Sardegna: per trovare 1 area bisogna girovagare per 204 km.
La ricerca TomTom è stata realizzata in collaborazione con Camperonline.it, portale informativo e divulgativo di riferimento per il settore, al servizio della più grande community di camperisti sul web che conferisce quotidianamente decine di commenti, precisazioni e integrazioni sulle aree di sosta recensite, e PleinAir, storico e autorevole mensile dedicato al turismo escursionistico affidato al camper, al caravan, all’auto.
Entrambe le pubblicazione hanno raccolto, grazie alle proprie community di camperisti, i dati relativi a queste aree e hanno creato una raccolta di Punti Di Interesse che possono essere installati su TomTom GO LIVE Camper & Caravan, il navigatore progettato per i veicoli ricreazionali.
TomTom GO LIVE Camper & Caravan consente a ogni automobilista di impostare il proprio tragitto in base al tipo di mezzo che utilizza: auto, auto con caravan, camper o furgone, con la possibilità, inoltre, di personalizzare le dimensioni, il peso e le limitazioni di velocità del veicolo. L’automobilista avrà così sempre a disposizione il tragitto ideale per il proprio mezzo, evitando di incappare in ponti troppo bassi o vicoli troppo stretti. TomTom GO LIVE Camper & Caravan è in vendita al prezzo di 399,90€ presso le principali catene di elettronica di consumo.
I file con i Punti di Interesse forniti da PleinAir e Camperonline.it possono essere scaricati gratuitamente dalle apposite sezioni dei due siti web – pleinair.it/portolano e camperonline.it/sosta – e sono accompagnati dalle istruzioni per l’installazione sul navigatore.

Scritto da admin

Prosegue la riabilitazione di Barberà

Una Ford Ka avvolta dai profumi di Maiori