in

Edwards rientra a Silverstone

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo l’esito positivo della valutazione medica di oggi, il pilota del team Monster Yamaha Tech 3 si unirà agli altri piloti per il Gran Premio d’Inghilterra in programma questo fine settimana sul famoso circuito di Silverstone. Il 37enne ha dovuto rinunciare al Gran Premi Aperol de Catalunya dello scorso weekend, dopo essersi fratturato la clavicola destra durante le sessioni di libere sul circuito di Montmelo. Sabato scorso, al pilota americano sono state impiantate una placca di titanio e 13 viti nella spalla durante un intervento chirurgico durato 3 ore, supervisionato dai dottori Xavier Mir e Victor Marlet.
La sue condizioni fisiche non gli hanno permesso di prender parte al GP catalano e si è visto così costretto ad interrompere la serie di 141 gare MotoGP consecutive iniziata con il suo debutto nel 2003.Non salterà però il sesto round del Campionato del Mondo MotoGP 2011 di Silverstone, avendo ottenuto quest’oggi il via libera da parte del personale medico del circuito dopo un’approfondita valutazione della spalla.

Colin Edwards, Monster Yamaha Tech 3: “Sapevo che i medici mi avrebbero dato l’ok, me lo sentivo. Ora non vedo l’ora di scendere in pista. La spalla risponde bene e non ringrazierò mai abbastanza il dottor Xavier Mir ed il suo staff per il lavoro fatto: senza di loro probabilmente non sarei stato minimamente in grado di guidare. So che non sarà un weekend facile, perché ci sono cambi di direzione rapidi e brusche frenate a Silverstone, ma sono sicuro di poter fare un buon lavoro e di poter portare a casa punti preziosi per la squadra”.

Fonte MotoGP.com – http://www.motogp.com

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Stoner e Dovizioso in visita alla Red Bull Racing F1

Buoni propositi per Elias a Misano