in ,

Renault 5 Turbo 2 RWD – Trazione posteriore e motore centrale

La Renault 5 Turbo infatti non montava più il motore in posizione anteriore longitudinale, ma in posizione posteriore centrale, con trazione posteriore.

Tempo di lettura: 2 minuti

Renault 5 Turbo 2 RWD era una variante estrema dell’utilitaria francese prodotta dal 1972 al 1984 e che registrò un enorme successo grazie ad un perfetto equilibrio tra praticità e dinamismo.

La R5, come ben presto fu chiamata la Renault 5 Turbo fu la prima auto in assoluto che si presentava con grandi paraurti in poliestere a differenza delle altre vetture che presentavano gli stessi in acciaio.

Renault 5 Turbo 2 RWD

Il frontale presentava grandi gruppi ottici quadrangolari tra i quali  era posta una feritoia che fungeva anche da presa d’aria.

La fiancata, lineare e pulita, si caratterizzava per l’assenza delle maniglie sulle portiere sostituite da un incavo che accoglieva un pulsante per l’apertura.

La parte posteriore presentava dei montanti inclinati che conferivano alla vettura maggior dinamismo.

Questa vettura base venne profondamente rivista e pensata soprattutto per i rally, riprogettandola come se si trattasse di una vettura totalmente nuova.

La Renault 5 Turbo infatti non montava più il motore in posizione anteriore longitudinale, ma in posizione posteriore centrale, con trazione posteriore.

Questa scelta portò all’eliminazione del divano posteriore e quindi la vettura fu omologata per due persone.

La vettura si riconosceva subito, grazie per i parafanghi posteriore notevolmente allargati sia per ospitare sospensioni più robuste che pneumatici maggiorati adatti a scaricare sull’asfalto tutta la potenza del propulsore.

La Renault 5 Turbo era equipaggiata con un quattro cilindri da 1397 cc, che rinunciava al carburatore  in favore dell’iniezione elettronica K-Jetronic.

Questo propulsore sviluppava 160 CV a 6500 giri/min con una coppia motrice di 21,4 kgm a 3250 giri/min spingendo la vettura ad una  velocità massima di oltre 200 km/h, con una accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 6,5 secondi.

Nel 1982 fu introdotta la Turbo 2, con alcuni miglioramenti per rendere la meccanica più affidabile senza tuttavia compromettere le prestazioni, che rimasero invariate.

Ora, una delle vetture prodotte, importata in California al momento dell’acquisto,  è offerta in vendita da Bring a Trailer, la famosa Casa d’Aste statunitense e la quotazione raggiunta, a pochi giorni dalla chiusura dell’asta, è di oltre 50 mila dollari, pari a 42.477 euro al cambio odierno.

Marco Lasala

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Patente di guida - Rinnovo

Corsi a distanza per la patente di guida in zona rossa ed arancione

Hummer EV

Hummer EV – Il SUV elettrico da 840 cavalli ed oltre 480 km di autonomia