in ,

Nuovo Isuzu D-Max – Un’unica motorizzazione per quattro allestimenti

Sarà commercializzato anche in Gran Bretagna a partire da Marzo, forte di un look accattivante.

Tempo di lettura: 2 minuti

Nuovo Isuzu D-Max è pronta a sbarcare in Europa

Presentato nell’ottobre del 2019, il nuovo Isuzu D-Max ha raggiunto prima i paesi dell’Asia Meridionale, per poi arrivare in Europa.

Sarà commercializzato anche in Gran Bretagna a partire da Marzo, forte di un look accattivante.

Nuovo Isuzu D-Max

Un design moderno, aggressivo, con il frontale dominato da una grossa griglia anteriore, da un paraurti massiccio e da nuovi gruppi ottici full-Led, questi ultimi di serie sugli allestimenti più lussuosi

Rispetto alla serie precedente il nuovo Isuzu D-Max presenta interni totalmente rivisti

E’ questa la più grande novità per un pick-up che punta soprattutto sulla concretezza, vista la sua fama di veicolo inarrestabile. 

Cambia la strumentazione, nuovo è il rivestimento per la plancia, morbido, nuovo è il sistema di infotainment, mentre sulle varianti più lussuose, la pelle riveste sedili e tunnel centrale. 

Novità anche per il telaio, rinforzato e dotato di una protezione sottoscocca più ampia e resistente, nuove anche le sospensioni, anteriori e posteriori, così come migliorata l’insonorizzazione all’interno dell’abitacolo. 

Novità assoluta sul nuovo Isuzu D-Max è la presenza del comando del servosterzo a indurimento progressivo, in funzione della velocità. 

Dal punto di vista delle motorizzazioni, in Europa sarà importato con un unico propulsore Euro 6D, un motore da 164 cavalli e 360 Nm di coppia massima, abbinato ad un cambio manuale a sei marce o automatico sempre a sei rapporti, in quest’ultimo caso la velocità di cambiata, rispetto al modello precedente, è stata aumentata del 25%. 

Le varianti a quattro ruote motrici offrono di serie il sistema 4WD shift-on-the-fly che consiste nella possibilità di bloccare il differenziale posteriore nelle modalità di guida Adventure e All-Purpose.

Quattro i livelli di allestimento, tre le tipologie di “cabina”: singola, doppia ed estesa.

Di serie è presente il sistema di frenata di emergenza, il riconoscimento della segnaletica stradale, il limitatore di velocità e l’avviso di uscita dalla corsia. 

Presente, sul doppia cabina anche i sensori parcheggio posteriori

 

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Land Rover Defender 110 SW by Ares Design

Land Rover Defender 110 SW by Ares Design

Renault 5 Prototype

Renault 5 Prototype – La rinascita di un modello cult