in

TOP – TORM VITERBO: Grossi, Ricci e Scapigliati campioni 2017

Tempo di lettura: 4 minuti

È doveroso questa volta aprire con il Trofeo Ohvale Privati, giunto al suo ultimo appuntamento, che ha incoronato i suoi TOP rider. Esclusa la Over160, dove Stefano Grossi aveva un vantaggio consistente sui propri avversari, le categorie Under160 e Master190 hanno visto lotte serrate per il titolo stagionale. Vediamo chi è riuscito ad ottenere l’alloro del “Best of the Tops”.

160 Over: STEFANO GROSSI
A coloro che parlano di vittoria facile, Stefano risponde con i risultati: su 14 gare sono ben nove le vittorie della punta di diamante (nonché patron) del Team Gladio. Non sono mancati gli zeri, ma Grossi ha fatto della costanza la sua bandiera fiaccando la resistenza e lo spirito dei suoi agguerriti rivali. Titolo strameritato.

160 Under: GIANMARCO RICCI
Esattamente come piace agli appassionati, la sfida per la classifica della 160 Under si è conclusa sulla linea del traguardo del Circuito Internazionale di Viterbo. A vincere è stato Gianmarco Ricci, che con una prestazione maiuscola e tanta testa porta a casa due secondi posti e il titolo. Cenno d’onore a Emanuele Curti, che con due terzi posti conclude secondo in campionato, e citazione doverosa anche per Onorio Iacobelli, autore di una splendida doppietta.

190 Master: DANIELE SCAPIGLIATI
Quella della 190 è in assoluto la vittoria con meno distacco: 145 lunghezze e due secondi posti in chiusura di campionato hanno permesso a Daniele Scapigliati di beffare Giacomo Vargiu per il titolo. Vista la prestazione di Viterbo di Giacomo (doppietta anche per lui), sicuramente pesano le due assenze (contro la singola di Scapigliati), ma i campionati sono composti soprattutto di costanza. Chapeau!

TORM, 7° GP a De Nardo
Tutto il contrario del Mondiale Superbike, Il Trofeo Ohvale Rental Master quest’anno assomiglia sempre di più alla MotoGP: in poco più di 100 punti (e circa 180 punti a tappa al primo classificato) troviamo Palli, Fracci, Lombrici e Pianozza a giocarsi il titolo fino all’ultima curva. Ma a vincere la categoria Champions questa volta non sono stati i soliti top riders.

Champions: Andrea De Nardo
Sembra che il doppio impegno nel Top e nel Torm abbia i suoi risultati: vince la categoria Champions del 7° GP di Viterbo Andrea De Nardo, che va’ ad infilarsi in quella che è a tutti gli effetti la lotta per il campionato in corso. Dietro di lui Francesco Fracci conquista la piazza d’onore e si rifà sotto a Fiorenzo Palli, ora a soli 8 punti. Terzo posto per Matteo Casali, che chiude il podio dei migliori.

Expert: Niccolò Parissi
Con due secondi di vantaggio su Mirko Pagnotta, nome ben conosciuto nel circus del TORM, vince la classifica Expert Niccolò Parissi. La costanza anche qui ha avuto la sua parte, visto che Niccolò ha piazzato il suo best lap (1’13,680) al settimo passaggio. Chiude il podio della Expert un’altra vecchia conoscenza, Marco Isopo, che però accusa un ritardo più consistente. Siamo sicuri che la prossima gara lo vedrà più combattivo.

AMA: Andrea Semola
Il doppio impegno continua a pagare: Andrea Semola, che pronti via conquista la vittoria nella categoria AMA, è già una vecchia conoscenza del TOP 2017. Non è stata certamente una passeggiata visto che Marco Valeriani ha un best di appena un centesimo più lento. Marco oltretutto non è di certo un semplice amatore: partecipa infatti alla Coppa Italia con il team TrEmme Corse. Terza posizione per Daniele Dottori, con un best di 1:15,047.

Chiodi: Manuel Minervini
Chiudiamo con la classifica dei Chiodi, che girando a soli 4 secondi dai migliori poi tanto chiodi non sembrerebbero. Vince Manuel Minervini, che nonostante la categoria di peso Heavy è riuscito a staccare di ben quattro secondi Daniele Cinelli, solo due decimi più lento in termini di giro perfetto ma meno costante sulla lunghezza di gara. Chiude l’ultimo podio della giornata Matteo Mengarelli.

Per peso: Fracci, De Nardo e Grossi

Passando alle categorie di peso, vince la categoria Light (grazie al suo secondo posto assoluto) Francesco Fracci, precedendo Matteo Casali e Niccolò Catalani. Per la Medium De Nardo entra prepotentemente in classifica (stabilendosi immediatamente nella Top10) vincendo davanti a Palli e Rossi, entrambi con 53 punti contro i 69 di De Nardo. Per la Heavy il matador prende il nome di Stefano Grossi, che registra la doppietta dopo la vittoria della medesima categoria a Sulmona. Seguono Matteo Pianozza, attuale capoclassifica, e Andrea Costantini.

Il team: WLF Racing Team
Con un nome decisamente apprezzato dalla popolazione maschile del TORM, a vincere il settimo GP di Viterbo è il neonato WLF Racing Team di De Nardo e Casali, che segna ben 151 punti sul tabellone. Dietro di loro si posizionano i ben noti Palli e Lombrici con l’FG Corse, mentre finiscono la giornata con 115 punti a pari merito i team Gladio e AM Racing Team.

PIT RACE: Carlo Albanese e David Pierluigi

Come per Grossi qualcuno potrebbe dire che Carlo Albanese ha avuto vita facile a Viterbo. Ma non bisogna mai dimenticare che nel circus del TORM le classifiche sono divise per classi, ma le gare no! Il doppio quarto posto vale per Albanese la vittoria della 190 Open, di cui era unico partecipante, ma la differenza con le 160 Open non era abbastanza grande da rendere la sua gara una passeggiata.

Lo sa bene David Pierluigi, che conquistando un primo e un secondo posto porta a casa la vittoria della giornata. Dietro di lui si piazza Ernani De Santins, grazie ad un terzo posto e alla vittoria di Gara2. Terza posizione Fabrizio Pendenza, che dopo la seconda piazza in Gara1 ha pagato caro il settimo posto in Gara2.

Ringraziamo per la presenza il patron di Ohvale Valerio Da Lio, Emiliano Malagoli e Chiara Valentini della Di.Di., nonchè le wild card TOP Daniel Da Lio, Mattia Martella, Leonardo Giallini e Leonardo Battaglini, che hanno offerto uno spettacolo incredibile.

Da Viterbo è tutto, prossimo appuntamento il 20 Agosto al “Sagittario” di Latina.

a cura di Alex Dibisceglia
Ufficio stampa TORM
info@demorace.it
www.demorace.it

Scritto da admin

Ford Transit Custom: design audace e nuovi interni

Mercedes-Benz Classe X: il pick-up della stella a tre punte!