Menu

Nuova Jaguar XF

Nuova Jaguar XFSi aggiorna nei contenuti, nell’estetica e nelle motorizzazioni: la nuova Jaguar XF, arriva con un abito elegante pronta a dichiarare guerra alla concorrenza !

La nuova Jaguar XF misura 4.954 mm di lunghezza con un passo di 2.960 mm, più lungo di 51 mm rispetto alla versione precedente, mentre lo sbalzo anteriore è più corto di 66 mm.

Anche se più corta di 7 mm e più bassa di 3 mm rispetto all’originale XF, lo spazio dei sedili posteriori si colloca ai vertici della categoria, grazie a 15 mm in più di spazio per le gambe, 24 millimetri in più per le ginocchia e fino a 27 millimetri in più di spazio per la testa, rispetto al modello precedente.

Anche l’aerodinamica è migliorata: il coefficiente di resistenza scende da 0,29 a solo 0,26.

Il leggero e rigido corpo vettura costituisce il nucleo fondamentale della superba dinamicità della nuova XF. La sospensione anteriore a doppio braccio oscillante e quella posteriore Integral Link, abbinate ad una distribuzione del peso di circa 50:50, consentono un equilibrio ideale tra guida e maneggevolezza.

La trazione integrale (AWD) è stata progettata e pensata su questa vettura fin dal primo giorno. Il sistema torque on-demand è totalmente nuovo ed il ripartitore presenta una catena di trasmissione più leggera, silenziosa ed efficiente.

Le capacità dell’auto vengono rafforzate anche da un sistema di controllo avanzato che è stato utilizzato per la prima volta nella F-TYPE AWD, l’Intelligent Driveline Dynamics (IDD) che rende la vettura piacevolmente guidabile come con una trazione posteriore ma con le prestazioni ed i benefici dell’AWD.

Un debutto per XF AWD è rappresentato dall’aggiunta della modalità Adaptive Response Surface (AdSR) al Jaguar Drive Control. Sfruttando le ineguagliabili competenze di Jaguar Land Rover, l’AdSR identifica il tipo di fondo stradale, ad esempio neve o ghiaia, ed adatta di conseguenza la mappatura del motore, della trasmissione, dello sterzo e del controllo dinamico della stabilità (DSC), per rendere la vettura maggiormente composta in condizioni di scarsa aderenza.

L’All-Surface Progress Control, sviluppato per la guida a bassa velocità in condizioni atmosferiche avverse, gestisce automaticamente i freni e l’acceleratore per offrire la migliore aderenza possibile, permettendo alla vettura di muoversi agevolmente e senza problemi: il guidatore deve solo tenere le mani sul volante. Il sistema ASPC entra in azione tra i 3,6 e i 30 km/h e la velocità desiderata viene impostata dal guidatore utilizzando i comandi del cruise control.

L’infotainment e la connettività sono i più avanzati che Jaguar abbia mai offerto. Il nuovo sistema InControl Touch Pro si basa sull’intuitiva interfaccia dell’InControl Touch, e supporta le stesse caratteristiche, incluso l’InControl Apps, l’InControl Remote e l’hotspot Wi-Fi, ma presenta un touchscreen da 10,2 pollici e la tecnologia Dual View che consente di visualizzare più informazioni simultaneamente.

Ad esempio, mentre il guidatore consulta il navigatore, il passeggero del sedile anteriore può guardare la TV o un DVD.

La nuova gamma della Jaguar XF sarà composta da: XF Pure , XF Prestige, XF R-Sport, XF Portfolio, XF S.

In Italia al lancio sarà disponibile il 3,0 litri V6 diesel bi-turbo con cambio automatico a 8 rapporti, il quale beneficia di una serie di avanzate tecnologie che aumentano ulteriormente l’efficienza e la raffinatezza, portando l’erogazione di potenza a 300 CV e la coppia ad un fantastico valore di 700 Nm.

Sempre al lancio, al 3.0 Diesel V6, si affiancherà il famoso 3,0 litri V6 benzina sovralimentato, con cambio automatico a 8 rapporti, nelle versioni da 340 CV/450 Nm e 380 CV/450 Nm.

Nel mercato italiano, dopo circa sei mesi dal lancio, saranno introdotti anche i propulsori 2,0 litri diesel Ingenium nelle versioni da 163 CV/380Nm e 180 CV/430Nm che saranno offerti con cambio manuale a sei rapporti oppure cambio automatico a otto rapporti, appositamente ottimizzati per questa vettura.

Nella versione da 163 CV con cambio manuale, la nuova Jaguar XF offre delle emissioni di CO2 di 104 g/km ed è il più leggero ed efficiente modello diesel non ibrido del segmento, oltre ad essere anche 80 kg più leggero dei suoi diretti competitor . Alla versione quattro cilindri diesel sarà affiancata la motorizzazione 2,0 litri benzina turbocompressa con solo cambio automatico ad iniezione diretta che sviluppa 240 CV e 340 Nm di coppia.

ReporTMotori TV

Newsletter