in

Abarth 695 biposto

Tempo di lettura: 2 minuti

Abarth 695 bipostoE’ una vera a propria supercar la nuova proposta della casa dello scorpione, una piccola bomba in fatto di prestazioni e divertimento allo stato puro: oggi alla stampa internazionale viene presentata la pepatissima Abarth 695 biposto .

Ciò che rende la Abarth 695 biposto un’autentica regina della pista non è solo il suo propulsore, piccolo di cubatura ma potente, ma tutti gli ingredienti che ne fanno una delle più prestazionali ed appaganti vetture torinesi in circolazione.

L’aspetto non lascia dubbi, siamo al cospetto di una 500 solo nelle sembianze, seppur la carrozzeria è ” analibolizzata ” e seppur tutto ciò che la compone è stato frutto di un’attenta opera di alleggerimento, con il frontale, cerchi, strumentazione, scarico, sospensioni totalmente riviste in virtù di un unico scopo: emozionare il guidatore.

La nuova Abarth 695 biposto assicura prestazioni esaltanti: con soli 997 kg di peso e il motore 1.4 T-jet, per la prima volta portato a 190 CV su una vettura stradale, è la vettura con il miglior rapporto peso/potenza (5,2 kg/CV) e la miglior accelerazione (da 0 a 100 km/h in 5,9”) della categoria, raggiungendo una velocità massima di 230 Km/h.

In particolare, il propulsore da 1,4 litri è il 4 cilindri 16 valvole da 1.368 cm3 sovralimentato, lo stesso impiegato sulla 695 Assetto Corsa per il Trofeo Abarth e sulla monoposto di Formula 4.

Su Abarth 695 biposto, il motore eroga una potenza massima di 190 CV a 5.500 giri/min e una coppia massima di 250 Nm a 3.000 giri/min.

La potenza specifica è di 139 CV/litro, record assoluto per questa categoria di motori, ma soprattutto quello che stupisce è la rapidità di risposta della vettura ai comandi dell’acceleratore, frutto di un grande lavoro di messa a punto di aspirazione, scarico e turbocompressore.

Per la prima volta su una vettura “street legal”, viene proposto un cambio a innesti frontali (dog ring) con comandi e differenziale autobloccante a dischi e frizioni di derivazione racing, che rende la cambiata talmente immediata che i guidatori esperti non hanno bisogno di usare la frizione salendo di marcia.

L’interfaccia con il pilota è una vera e propria opera d’arte: una torretta interamente realizzata in lega leggera con selezione delle marce ad “H”, che garantisce un feeling unico al guidatore, del tutto analogo alle auto da competizione. Si tratta di un contenuto unico ed esclusivo, realizzato con la competenza di Bacci Romano nel campo delle trasmissioni per vetture racing e ad alte prestazioni, adatta ai guidatori più esperti e proposta in alternativa al cambio manuale di serie.

 

Scritto da admin

Un Marquez lucido ma critico

Maserati 100 Years collection