in

Yamaha XJ6 Rosa Italia

Nel corso della serata, in occasione del “Il Giovedi del Motociclista”, l’happy hour dedicato alle due ruote promosso da Yamaha Motor Italia presso il Red Point Cafè Milano, la prima guida del team Yamaha World Superbike Marco Melandri, in compagnia della splendida fidanzata, la modella Manuela Raffaetà, ha svelato al pubblico la nuova Yamaha XJ6 “Rosa Italia”, naked 600cc proposta da Yamaha in un’accattivante versione limited edition dedicata al 94° Giro d’Italia, nell’anno delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità del nostro Paese.
La versione speciale della best seller a 4 cilindri pensata da Yamaha per i motociclisti alla ricerca della prima vera moto e che strizza l’occhio al gentil sesso si presenta infatti in una veste interamente rosa perlato, con un richiamo tricolore sul serbatoio, tributo ai 150 anni dell’Unità d’Italia, ed è equipaggiata di serie con frecce led carbon look.
Da subito prenotabile presso tutte le Concessionarie Ufficiali Yamaha al prezzo di 6.690€ f.c., la nuova XJ6 “Rosa Italia” farà il suo debutto su strada il prossimo 7 maggio 2011 in occasione della tappa inaugurale del Giro d’Italia 2011, la più importante manifestazione ciclistica italiana che Yamaha Motor Italia ha deciso di supportare per il terzo anno consecutivo in veste di partner ufficiale di RCS Sport  – La Gazzetta dello Sport.
In qualità di moto ufficiale del Giro d’Italia 2011, una delle gare a tappe di ciclismo più prestigiose al mondo, Yamaha XJ6 “Rosa Italia” sarà costantemente al seguito della carovana rosa nel corso delle 21 tappe che il 7 Maggio 2011 prenderanno il via dalla suggestiva cornice piemontese del borgo di Venaria Reale, e che, dopo un susseguirsi serrato di arrivi in salita intervallati da traguardi dedicati ai velocisti, si chiuderanno con la tradizionale passerella della crono individuale meneghina, in programma domenica 29 maggio 2011. Le prime venticinque fiammanti Yamaha XJ6 “Rosa Italia” fungeranno per tutto il periodo da mezzo di spostamento ideale per la direzione gara, per i commissari itineranti e per la squadra di supporto, oltre che per le moto staffetta dedicate al cambio gomme dei ciclisti impegnati in gara.
Nuovo casco BYE B-Generation m.y. 2011
Sempre in occasione dell’unveiling della nuova Yamaha XJ6 “Rosa Italia”, la casa dei tre diapason ha presentato anche l’ultimo modello della gamma caschi BYE 2011, il nuovo casco jet B-Generation, disponibile nelle due varianti di grafiche Doll Skull e Bad Skull e caratterizzato da accattivanti grafiche ispirate ai tipici elementi distintivi della street culture metropolitana.
Casco jet city d’accesso alla gamma, con calotta esterna doppia in resina termoplastica verniciata con decorazioni sottolucido e calotta interna a doppia densità per una migliore protezione antiurto, BYE B-Generation è il casco dedicato ai più giovani o a chi, scooterista o biker, è alla ricerca di un prodotto con un rapporto qualità/prezzo imbattibile senza però rinunciare ad affidabilità e design trendy del marchio BYE.
Creato dai designer del centro ricerca e sviluppo Yamaha in Italia, il nuovo BYE B-Generation è caratterizzato da un interno antibatterico traspirante e anallergico ed è dotato di un sistema con tasto a sgancio rapido. Al prezzo di 105,00€ iva inclusa sarà disponibile in tutte le Concessionarie e Scooter Store Ufficiali Yamaha nelle varianti Doll Skull con colorazione Shiny Black con grafica e Bad Skull nei colori Shiny White e Shiny Black con grafica.

Yamaha XJ6 Rosa Italia” m.y. 2011
• Motore 600 cc con 4 cilindri in linea
• Telaio compatto per un’agilità straordinaria
• Erogazione lineare e gestibile, 78 CV
• Manubrio regolabile
• Terminale di scarico “no look”
• Colorazione in edizione limitata rosa perlato con dettagli in nero opaco
• Frecce led carbon look di serie

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Ducati Monster 1100 “Special Carbon”

Capirossi vola nelle libere di Estoril