Consenso sui Cookie e Privacy

Menu

Nel day2 un Maverick Vinales in testa

maverick vinales

Nella seconda giornata di test, il tempo non è stato clemente, così dopo le prime tre ore trascorse ad aspettare che le condizioni della pista migliorassero, Maverick Vinales è ritornato a spingere sul circuito di Valencia, facendo registrare il miglior tempo anche nel day 2.

Maverick Viñales così come Valentino Rossi ha trascorso tutto il tempo del test per familiarizzare con la nuova evoluzione del motore.

Seguendo la stessa procedura di ieri, Viñales è uscito in pista con più di quattro ore di anticipo.

Lo spagnolo ha continuato il suo lavoro sulle specifiche del motore 2019 da dove aveva interrotto ieri, e nonostante una piccolo scivolata, ha gradualmente migliorato il suo tempo per tutto il giorno.

Ha percorso un totale di 57 giri, migliorato il suo best lap del primo giorno di 0,69, segnando un tempo di 1’30.757 al 50 giro.

Il pilota del Team Movistar Yamaha MotoGP ha concluso la sessione con un vantaggio di 0,133.

Maverick Vinales :”È stato un test positivo. Abbiamo lavorato molto sul miglioramento del motore in vista della prima gara del 2019. Sono davvero contento perché fin dal primo giro ho sentito una buona trazione e ho potuto spingere. C’è ancora del lavoro da fare per migliorare ulteriormente la frenata del motore e la fluidità della potenza, quindi è su quello che lavoreremo a Jerez. E ‘stato un peccato non poter provare tutto il giorno, come avevamo programmato. Non abbiamo potuto testare molto bene i motori, quindi decideremo dopo Jerez quale dei due scegliamo. Come ho detto, dobbiamo provare di più, essere più convinti della decisione del motore, ma penso che siamo sulla strada giusta. Dobbiamo concentrarci sullo stile di guida e ottenere una moto più fluida! Questo aspetto sarà molto importante, specialmente quando non c’è grip durante la gara, ma è in arrivo un aggiornamento che aiuterà molto. In questi ultimi due giorni mi sono concentrato solo sul motore e non ho toccato nulla riguardo l’impostazione. Penso che avremmo potuto migliorare molto il set-up di Valencia, ma sono contento così, perché concentrandoci sul motore abbiamo migliorato di alcuni decimi”.

 

ReporTMotori TV

Newsletter

ReportMotori Magazine