Menu

Aviar R67 il bolide elettrico su base Tesla

Aviar R67 è la prima Electric Muscle Car dell’azienda russa Aviar Motors.

E’ una vettura, la Aviar R67 ,  costruita sul pianale della Tesla Model S su cui è stata montata una carrozzeria in fibra di carbonio.

Aviar R67

Si tratta di una soluzione atta a contenere al massimo il peso ed esteticamente si rifà all’iconica Ford Mustang Fastback in voga negli anni ’60 .

Della vettura, per ora, sono stati resi noti solo dei render, ma in effetti non si conosce la data della sua presentazione sul mercato.

Pur essendo simile alla Ford Mustang, è più lunga di quest’ultima, misurando quasi cinque metri.

La Aviar R67 utilizza la piattaforma Tesla!

Nonostante questo aumento nelle dimensioni, i tecnici russi, nell’insieme, sono riusciti a conservare le giuste proporzioni. .

Il powertrain sistemato nel cofano è quello della Tesla Model S Performance, e cioè due motori elettrici da 840  CV.

Una potenza tale da consentire un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 2″2  con una velocità massima di 250 km/h!

Notevole anche l’autonomia dichiarata, superiore ai 500 chilometri .

L’auto, seppur elettrica, potrebbe essere dotata di un sistema audio esterno che durante la marcia riprodurrebbe l’inimitabile sound del propulsore  V8 a benzina della Mustang.

Aviar R67 è una full electric con una potenza fuori dal comune!

L’abitacolo presenta un insieme più moderno rispetto a quello della Mustang anni ’60 da cui deriva, ma le bocchette di aerazione hanno un gusto vintage.

Per migliorare l’aerodinamica, nella parte posteriore è stato collocato uno spoiler attivo che fuoriesce ad una certa velocità per migliorare la deportanza e dunque l’aderenza in curva!

Nell’insieme, in ogni caso, i richiami al mondo Tesla sono evidenti, non solo nella motorizzazione.

Al momento, non si hanno informazioni né sulla data di inizio produzione, né tantomeno sul possibile prezzo.

Non ci resta, quindi, che attendere, tempi migliori per maggiori dettagli, perché i progressi dell’elettrico sono tangibili!

Giuseppe Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter