in ,

Un V12 turbo per la nuova Pagani Huayra Roadster BC

Tempo di lettura: 4 minuti

Pagani Huayra Roadster BC

Realizzare una nuova opera d’arte, dar vita ad una hypercar scoperta dalle prestazioni incredibili: nasce nel 2017 l’idea della Pagani Huayra Roadster BC .

Diventa oggi realtà, quel sogno, quell’emozione frutto di un progetto meticoloso, una cura quasi ossessiva per i dettagli e per il design, la nuova Pagani Huayra Roadster BC è l’esempio tangibile di quanto il limite umano possa spingersi nella creazione di un’auto.

Ogni sforzo intrapreso dai tecnici e progettati doveva puntare ad un unico obiettivo: le massime prestazioni, con una sensazione di guida simile ad un’auto da corsa, con la migliore tecnologia attualmente disponibile.

Studi che hanno interessato l’aerodinamica, una scoperta che rasenta la perfezione.

Innovare, esplorare, percorrere sentieri mai intrapresi fino ad oggi per superare ogni spazio temporale: modellata a mano la carrozzeria sposa i concetti fondamentali dell’arte e della scienza.

Leonardo Da Vinci, il grande Leonardo, oggi sarebbe fiero della filosofia creativa che caratterizza la Pagani Automobile.

Una macchina stradale creata con le ultime tecnologie derivate dall’esperienza in pista di Pagani Automobili e in conformità con i concetti chiave del DNA del marchio.

In altre parole, un veicolo intuitivo e facile da guidare che dopo pochi chilometri ti regala un feeling unico, per un’esperienza “open” senza precedenti.

Dall’aerodinamica al suo design fino all’abitacolo, la Roadster BC e la combinazione di materiali compositi avanzati che non hanno eguali nel panorama automobilistico.

Come in un orologio sofisticato, ogni singolo componente della Pagani Huayra Roadster BC è una concentrato di tecnologia e massima ingegneria: il suo peso è di soli 1250 kg!

E’ possibile concentrarsi su prestazioni estreme senza comprometterne la guidabilità?

Leggerezza e sicurezza possono fondersi con design ed eleganza?

Le soluzioni si trovano nelle mani esperte di coloro che credono che la perfezione e l’unicità possano essere raggiunte solo con cura scrupolosa, abilità manuale e artigianalità.

Pagani aspira alla perfezione, creando le più grandi auto costruite a mano con un vero inno al Rinascimento.

C’è qualcosa che viene prima di prestazioni, velocità, design e stile assoluti.

Quel qualcosa si chiama sicurezza e per Pagani Automobili è una missione.

La Pagani Huayra Roadster BC è stata progettata per avere un carico aerodinamico di 500 kg a 280 km / h (1.102 libbre a 174 mph) mantenendo un’altezza da terra che consente il totale controllo della vettura, su pista ed in strada.

Per raggiungere questo obiettivo il team si è concentrato sulla ricerca di un equilibrio tra il sistema di flussi d’aria interno e la  silhouette esterna, aerodinamicamente elegante in tutte le condizioni di guida.

Mentre la parte anteriore è stata sviluppata per garantire lo scambio di calore richiesto per il motore, un V12 e contemporaneamente per generare un efficace carico aerodinamico, la parte posteriore favorisce l’estrazione dell’aria e mantiene costante l’altezza della vettura, grazie ad un profilo alare efficiente anche alle medie velocità.

Il sistema aerodinamico attivo combinato con le sospensioni attive migliora la stabilità dell’auto adattando la sua configurazione aerodinamica per soddisfare requisiti di guida specifici.

La Roadster BC offre il massimo controllo anche nella guida in pista al limite, quando i collettori in titanio danno libero sfogo al sound del dodici cilindri.

Per la prima volta in Pagani Automobili, questo sistema di scarico presenta due uscite dirette supplementari direttamente collegate ai catalizzatori.

La Pagani Huayra Roadster BC presenta nuove tecnologie composite esclusive basate su fibra di carbonio e carbonio-titanio che offrono un aumento del 12% della rigidità torsionale e del 20% della rigidità flessionale rispetto alla tecnologia utilizzata fino ad oggi.

Questo aumento delle proprietà meccaniche dei materiali applicati, in particolare della rigidità torsionale e del telaio, consente anche di aumentare la sua risposta dinamica durante la guida, nonché la sicurezza in condizioni critiche.

“Attraverso un’intensa ricerca scientifica per lo sviluppo delle formule Carbo-Triax HP62 e Carbon-Titanium HP62 G2, siamo riusciti a raggiungere alcuni risultati straordinari che ci hanno permesso di ridurre considerevolmente il peso del veicolo e ottimizzare le caratteristiche meccaniche. Anche così, quando abbiamo presentato questi risultati ad Horacio, insieme al fatto unitamente ad un aumento del 450% dei costi dei materiali, la sua reazione è stata “il cliente merita ancora di più!” – Francesco Perini, Head of Concept & Composite Design.

“La cosa fantastica di questo modo di lavorare è che non siamo mai soddisfatti del risultato raggiunto in quanto Horacio Pagani mette sempre alla prova ciò che viene normalmente preso come punto di arrivo. Penso che, insieme, abbiamo sempre creduto di poter superare anche la sfida più difficile e raggiungere livelli di perfezione sempre più elevati “. – Tobias Moers

Know-how, tradizione e oltre 125 anni di storia per Mercedes-Benz e per AMG e 20 anni di stretta collaborazione con Pagani: il tutto ha dato vita ad un magnifico motore V12.

Un propulsore completamente nuovo che vanta un livello di potenza ed elasticità elevatissimi: 800 CV e una coppia di 1.050 Nm già a 2.000 giri / min, con uno dei migliori rapporti peso-potenza della categoria.

L’unità Pagani V12 presenta una serie di innovazioni, tra cui due nuovi turbo, un rivoluzionario collettore idroformato, due corpi farfallati e quattro intercooler acqua-aria; tutto ciò supportato da un sofisticato sistema elettronico progettato da Bosch per sfruttare al massimo il suo potenziale.

Ultimo, ma non meno importante, questo gioiello è conforme alle più recenti norme internazionali sulla resistenza della fibra di carbonio e sulle emissioni di gas, comprese le normative ambientali della California, senza dover ricorrere a un sistema ibrido.

 

Scritto da admin

Marc Marquez conquista a Brno la sua 50esima vittoria

Valentino Rossi

Vinales e Rossi testano a Brno la YZR-M1 2019