Menu

Presentato il Team Suzuki Ecstar con Andrea Iannone ed Alex Rins

Il team Suzuki Ecstar ha presentato la squadra che correrà nella classe regina, composta da Andrea Iannone ed Alex Rins.

Tanti i cambi nei box, la voglia di essere i migliori e il team Suzuki Ecstar è pronto per la sfida con Andrea Iannone e Rins.

Abbandonata la vecchia line up, la formazione che cavalcherà l’azzurra nipponica è adesso composta da Andrea Iannone e Alex Rins capitanati sempre da Davide Brivio.

Il prototipo per il 2017 è un’evoluzione di quello del 2016, migliorato in quei particolari che rendevano il gap dai top cinque sottile ma costante. Nonostante questo la terza nipponica della massima cilindrata ha raggiunto la vittoria al GP de Gran Bretagna e altri tre podi grazie all’oggi ex Maverick Vinales.

Davide Brivio : ““Quello che abbiamo fatto nel 2016 è stata una bella sorpresa. È stato un bell’anno ma lo vedo come un punto di partenza. Sono contento della nuova line up: Iannone è un top rider, credo che sia pronto per grandi risultati; Rins invece è un talento e faremo di tutto affinchè lo possa mettere in pista. Mi piacerebbe vedere Andrea con i primi e Alex vicino a lui. “Vogliamo continuare la tradizione e portare Suzuki ancora a gradi livelli. Tutti hanno dato e daranno il massimo per questo obiettivo; una costante da quando siamo ritornati due stagioni fa. Speriamo che questa scuderia diventi ancora più forte”.

Andrea Iannone : ““Durante l’inverno mi sono allenato e mi sono rilassato. Le impressioni a Valencia sono state molto buone, la moto mi piace e il telaio è ottimo, si adatta tanto al mio stile. Spero di far bene, il mio target è vincere ma sarà difficile, daremo tutto. Ho avuto delle buonissime impressioni. Una scuderia familiare, amichevole. Si lavora con il sorriso e questo è un gran bene. Alex Rins è un grade talento, può imparare da me ma anche da ogni situazione in MotoGP ”.

Alex Rins : ““Ora sto bene, sono pronto per scendere in pista. In questi mesi mi sono ripreso e mi sono allenato bene. È difficile, la moto ha molto potenza in più da gestire ma è anche l’aspetto che più mi piace. La scuderia è come una famiglia, mi hanno fatto sentire la loro vicinanza dopo l’incidente, mi trovo benissimo. Dovrò essere il più veloce possibile e soprattutto imparare; fare esperienza e migliorarmi costantemente”.

Fonte MotoGP.com

ReporTMotori TV

Newsletter