in

Porsche Mission E : un bolide elettrico !

Tempo di lettura: 2 minuti

Porsche Mission EParte il progetto relativo alla produzione della Porsche Mission E, il bolide a quattro poste completamente elettrico.

E’ un nuovo modo di concepire la guida sportiva perché con la Porsche Mission E la casa automobilistica di Stoccarda entra in un nuovo settore, quello elettrico, un mondo fino ad ora esplorato solo in parte attraverso i modelli plug-in hybrid .

Porsche sta investendo ed i numeri parlano chiaro: l’azienda investirà circa 700 milioni di euro nel nuovo sito principale, e nei prossimi anni saranno costruiti dei nuovi impianti di verniciatura e un nuovo reparto di assemblaggio .

Presentata in occasione del Salone di Francoforte 2015, la Porsche Missione E è una quattro posti alimentata completamente da motori elettrici: la comoda berlina quattro posti vanta una potenza massima di 600 cavalli ( 440 KW ) e performance da riferimento, perché riesce a raggiungere i 100 km/h con partenza da fermo in soli 3,5 secondi ed ha un’autonomia di oltre 500 chilometri .

Grazie alla presenza della batterie agli ioni di litio integrate nel sottoscocca della Porsche Mission E , la ricarica avviene molto più velocemente rispetto ad una tradizionale vettura elettrica: dopo soli 15 minuti sono cariche all’80 per cento ed il “ rifornimento “ può anche avvenire in modalità “ wireless per induzione “ grazie ad una serpentina incorporata nel pavimento del garage .

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Porsche, il Dr. Oliver Blume: “Decisamente, stiamo raccogliendo la sfida della mobilità elettrica. Anche con auto sportive alimentate solo a batteria, Porsche resta fedele alla sua filosofia e offre ai propri clienti il modello più sportivo e tecnologicamente più sofisticato in questo segmento di mercato”. Blume ha aggiunto che il progetto Mission E sottolinea l’importanza di Stuttgart-Zuffenhausen come sito produttivo, del Baden-Württemberg come centro tecnologico e di tutta l’industria automobilistica tedesca.

Scritto da admin

Assetto Corsa, nuovo aggiornamento

Yamaha R1 Cup 2016