in

Un Dani Pedrosa strepitoso ad Aragon

Tempo di lettura: 2 minuti

Duello Pedrosa / Rossi - Aragon 2015Aragon è terra di conquista per le Yamaha , il team Movistar Yamaha MotoGP conquista il titolo , Jorge Lorenzo vince una gara perfetta ma Valentino Rossi si deve accontentare del terzo posto , complice un Dani Pedrosa pazzesco !

Il nove volte campione del mondo le ha tentate di tutte , ha messo in campo la sua grandissima esperienza e tutta la sua abilità per superare un Dani Pedrosa velocissimo ma alla fine ha dovuto rinunciare al secondo gradino del podio .

Dani Pedrosa era determinato ad arrivare davanti al pilota Yamaha , la sua velocità , la sua percorrenza in curva erano al limite : non è da tutti tenere a bada un pilota del calibro di Valentino Rossi ma lui , da vero guerriero , ha resistito a numerosi attacchi, chiudendo sempre la traiettoria e mostrando tutta la sua forza in un duello che porta Rossi al limite della pista.

E’ il giorno di Pedrosa , è il giorno del Team Yamaha che conquista il titolo costruttori , è il giorno dell’amaro in bocca per Valentino Rossi .

Valentino Rossi :  ” Le ho provate tutte , ho dato il massimo , perché volevo arrivare secondo e  perdere solo cinque punti da Jorge, ma alla fine Dani oggi è stata molto forte. Ho provato di tutto, ma alla fine è arrivato davanti a me. D’altra parte sono contento per la gara. Prima di tutto perché è stata molto divertente, e in secondo luogo perché ero competitivo, ero forte in gara ed è stata la gara più bella della mia carriera ad Aragon, di sicuro, questo circuito è sempre difficile. Ma ora dobbiamo guardare avanti e cercare di fare meglio. Ero dietro Dani perché all’inizio è stato molto difficile sorpassare e non ho avuto il passo sufficiente per rimanere davanti. Così ho dovuto lottare nell’ultimo giro. Ho provato a sorpassare dove ho visto che ero forte, ma già dal primo sorpasso ho visto che Dani oggi era molto forte, perché è sempre riuscito a starmi avanti. Ho cercato di concentrarmi e rimanere in linea in ingresso ogni volta, ma all’ultimo giro ci siamo toccati una sola volta e sono andato sul cordolo, così in quel momento avevo appena provato a far di tutto per sorpassarlo. Nella chicane ho provato senza pensare, ma lui era in grado di stare avanti in qualche modo. Ora andiamo a Motegi, è una pista che mi piace, dove anche l’anno scorso ho fatto una gara molto buona. Ma Jorge scorso anno è stato più forte di me e lui è stato in grado di vincere. Per questo motivo dobbiamo provare il massimo, la differenza è a soli quattordici punti e sarà molto difficile, perché il vantaggio è piccolo. Dobbiamo dare il massimo, perché siamo competitivi. Il World Team Title è un grande risultato per tutti, perché tutta la squadra, tutti gli ingegneri sono stati in grado di migliorare la M1 , fornendoci una grande moto. Abbiamo fatto un grande passo rispetto allo scorso anno , confrontandoci con la Honda soprattutto. E ‘anche un grande risultato per i piloti, quest’anno io e Jorge sono stati in grado di vincere un sacco di punti e siamo arrivati ​​davanti un sacco di tempo. Così tutto il team è molto felice ” .

Scritto da admin

Nuovo tenditore catena LighTech

Ad Aragon il vero vincitore è Pedrosa ?