Menu

Tito Rabat campione della Moto2

Pol EspargaròTito Rabat si laurea, conquistando a Sepang, il terzo gradino del podio, Campione del Mondo della Moto2 2014!!

Scatta forte il poleman e leader del mondiale Tito Rabat che si tiene dietro il compagno di squadra Mika Kallio; alla Curva2 si stende Gino Rea, dopo un contatto con Jonas Folger.

Maverick Vinales (Paginas Amarillas HP40) è terzo all’inseguimento delle ‘solite’ Kalex del team Marc VDS Racing, ma subito dietro è Dominique Aegerter (Technomar carXpert) a guadagnare posizioni importanti dopo esser scattato dalla nona casella della griglia.

Al secondo giro il Rookie-of-the-Year passa Kallio e si mette all’inseguimento del ‘fuggitivo’ Rabat, che nel frattempo ha approfittato della bagarre alle sue spalle. Il finlandese peró non demorde e si riporta in seconda posizione dietro il compagno di squadra che ha giá un margine di 1″. Kallio sa di non aver altre possibilitá e inizia a forzare il suo ritmo facendo segnare giri veloci e rosicchiando ben mezzo secondo.

Finisce sull’erba anche la Speed Up dell’inglese Sam Lowes. Sandro Cortese (Dynavolt Intact GP) è quinto, incalzato da Julian Simon (Italtrans Racing) e Johann Zarco (AirAsia Caterham). Saluta la compagnia il giapponese Takaaki Nakagami. In testa Kallio ha ormai preso Rabat: incollato ai suoi scarichi, ne studia le traiettorie per l’imminente sorpasso.

A 10 tornate dalla fine il leader del mondiale arriva lungo alla prima staccata e Kallio non perdona; nella successiva ‘esse’ anche Vinales lo infila e di colpo Rabat si ritrova terzo. Il vantaggio di 41 punti in classifica gli consente ugualmente una relativa tranquillitá per la conquista del titolo. Anche perchè Viñales non ha nessuna intenzione di recitare il ruolo della comparsa, anzi.

I due piloti di testa iniziano così a incrociare le linee con i loro classici stili: piú pulito il finlandese, piú aggressivo lo spagnolo. Il Campione del Mondo Moto3 in carica, prossimo pilota Suzuki in MotoGP, a 5 giri dalla fine infila Kallio senza appelli mentre Rabat amministra tranquillo alle loro spalle con il terzo posto in cassaforte.

Non sbaglia nulla Maverick Vinales, che va a conquistare la sua seconda vittoria consecutiva (la quarta della stagione) dopo quella centrata una settimana fa a Phillip Island. Piazza d’onore, in gara quanto nella classifica iridata, al finlandese Mika Kallio, cui va riconosciuto il merito di averci provato fino in fondo. Per Tito Rabat arriva il podio piú dolce: il suo terzo posto odierno gli consegna matematicamente il suo primo titolo iridato.

Fonte MotoGP.com

ReporTMotori TV

Newsletter