in

La Superstars va di scena in Portogallo

Tempo di lettura: 2 minuti

A pochi giorni dal via del terzo appuntamento della International Superstars Series, di scena sul suggestivo circuito dell’Algarve, in Portogallo, il campione in carica Thomas Biagi spiega il tracciato dove la stagione passata, al volante della BMW M3 del Team BMW Italia, ha conquistato la pole ed il gradino più alto del podio in occasione della seconda gara. «Il giro comincia con un lunghissimo rettilineo. Bisogna frenare dove inizia la discesa, per affrontare in terza marcia la prima curva che chiude nella parte iniziale per poi aprirsi molto in uscita. Seguono due tornanti, che portano ad  affrontare la terza curva a sinistra cieca a causa di un forte  scollinamento. Quindi c’è un breve allungo in discesa che immette su un tornantino per iniziare di nuovo la salita. A seguire una doppia curva a destra, la prima da percorrere in quarta per poi iniziare a frenare mentre ci si immette nella seconda come se fosse una unica. Subito dopo ci si “tuffa” a mo’ di montagne russe in una ripida discesa seguita immediatamente da una salita, si curva a sinistra per poi passare in frenata dalla quinta alla seconda marcia scollinando (punto più tecnico ed affascinante del circuito, dove non si hanno punti di riferimento). Si scende nuovamente per curvare poi a sinistra. Quindi si affron tano un paio di curve lente, per poi immettersi nel famoso curvone di Portimão da percorrere tutto fino alla quinta per ritornare sul lungo rettilineo del traguardo».
Le caratteristiche del circuito portoghese sono favorevoli, almeno sulla carta, alle potenti coupé della casa bavarese che “prediligono” i tracciati guidati, ma lo stesso Biagi ha ammesso di essere preoccupato sia sul fronte Mercedes che su quello Maserati, vettura che secondo l’alfiere del Team BMW Italia quest’anno sarà in lotta per il titolo.
Buoni propositi per Portimão giungono anche dal team manager Roberto Ravaglia, che ha affermato: «Siamo certi che riusciremo a preparare al meglio il weekend portoghese. Lo scorso anno siamo usciti da vincitori, grazie alla pole ed alla vittoria di Gara 2 con Thomas. Quest’anno non possiamo più perdere punti, quindi puntiamo al podio. Sul tracciato dell’Algarve avremo la prova di quanto sarà competitiva la nostra vettura».

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Fiat Test Drive

Kawasaki KX450F