Menu

A Monza un Checa in difficoltà

Monza (Italia), sabato 7 maggio 2011: un giorno piuttosto difficile per il team Althea Racing e per il suo pilota Carlos Checa all’ Autodromo Nazionale di Monza; il pilota spagnolo ha chiuso una Superpole molto combattuta in undicesima posizione.
Nella seconda sessione di qualifica svolta stamattina su un tracciato dove la temperatura si è mantenuta sempre elevata (34˚C), Carlos ha potuto fare dei buoni progressi durante i 45 minuti a sua disposizione. Montata la soluzione di gomma piu’ dura, il portacolori del team Althea e’ riuscito ad abbassare il suo tempo sul giro di sette decimi rispetto a ieri, facendo registrare il suo giro piu’ veloce proprio negli ultimi secondi della sessione. Checa ha chiuso le qualifiche in nona posizione, qualificandosi facilmente per la Superpole nel pomeriggio.
Superpole 1: in questa prima fase della Superpole Checa e’ uscito dal box con gomma morbida da gara, riuscendo a fare il suo miglior giro dell’intero weekend (1’43.001). Per essere sicuro del passaggio alla seconda fase pero’, ha deciso insieme ai suoi tecnici di fare una seconda uscita con la prima gomma da qualifica. Purtroppo non e’ riuscito a migliorarsi ed ha chiuso questa prima sessione in dodicesima posizione
Superpole 2: montata la seconda delle due gomme da qualifica, Carlos ha perso del tempo prezioso quando ha tagliato una chicane. Nei pochi minuti rimasti a sua disposizione non e’ purtroppo riuscito ad abbassare il suo tempo, chiudendo con un giro veloce di 1’43.116, che lo posiziona all’undicesimo posto sulla griglia di partenza delle due gare di domani.

Carlos Checa: “Non e’ facile qui per noi. Sappiamo che ci manca un poco di potenza pero’ domani credo che, migliorando nella prima sezione potremo difenderci bene. Ovvio che puntare al podio sara’ molto difficile ma sono fiducioso che in gara riusciremo a stare con il gruppo dei primi e cercare di ottenere il miglior risultato possibile. Al momento attuale non so dove riusciremo ad arrivare ma di certo darò il massimo come sempre”.

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter