in ,

Nuova BMW G 650 GS

Tempo di lettura: 3 minuti

La nuova BMW G 650 GS arricchisce la famiglia GS con un nuovo ed interessante prodotto dalla linea filante e dinamica che evidenzia l’inclinazione alla guida offroad.  La nuova enduro monocilindrica si presenta con un look simpatico, leggero ed allo stesso tempo aggressivo tipico delle moto destinate, come ogni GS, all’avventura. La nuova BMW G 650 GS si distingue dalle concorrenti per comfort, equipaggiamento e qualità. Il peso contenuto e la sella bassa posizionano la moto come modello d’ingresso nell’affascinante mondo del motociclismo e di BMW Motorrad.
Riedizione di una piattaforma affermata con un propulsore monocilindrico con una elevata coppia e consumi contenuti. La nuova BMW G 650 GS si affida a una piattaforma tecnica nota ed affermata: la BMW F 650 GS con il propulsore monocilindrico che ha già dimostrato la propria validità. Il motore monocilindrico con due alberi a camme in testa ha una cilindrata di 652 cm³ ed eroga una coppia massima di 60 Nm a 5 000 g/min. A richiesta sono disponibili anche una riduzione della potenza a 25 kW (34 CV) a 6.500 g/min con una coppia di 47 Nm a 4.500 g/min.
Il propulsore monocilindrico è ovviamente equipaggiato con iniezione elettronica, doppia accensione e grazie ad un elevato rapporto di compressione (11,5:1) e al catalizzatore regolato assicura la massima efficienza, oltre al divertimento di guida. Il motore con queste caratteristiche vanta consumi ridottissimi: a 90 km/h costanti sono sufficienti 3,2 litri di carburante per percorrere 100 chilometri, quindi circa 30 kilometri/litro.
Il propulsore monocilindrico della nuova BMW G 650 GS è equipaggiato con un cambio a cinque rapporti che entusiasma soprattutto su strade extraurbane ricche di curve. L’elevata curva di coppia e l’ottima rapidità di risposta consentono di divertirsi anche nella guida in off road. La Ciclistica è stata sviluppata per offrire il massimo divertimento sulle strade extra urbane e nell’uso off-road leggero. La ciclistica della nuova G 650 GS è stata sviluppata essenzialmente per la guida sulle strade extraurbane. Il telaio è in acciaio a doppia trave il telaietto posteriore è avvitato, come nell’architettura della vecchia edizione della BMW F 650 GS. All’anteriore lavora una forcella telescopica, al posteriore è stato montato un robusto forcellone in profilati quadri di acciaio, abbinato a un ammortizzatore centrale collegato attraverso un leveraggio. La nuova G 650 GS affascina per l’ottima stabilità di guida fino alla velocità massima di 170 km/h (a potenza ridotta 145 km/h) che per la sua maneggevolezza sulle strade extraurbane. L’escursione dell’ammortizzatore assicura un elevato comfort di guida e doti interessanti anche per l’uso offroad. L’impianto frenante prevede un disco singolo all’anteriore, ed uno sigolo al posteriore. Il BMW Motorrad ABS, disponibile a come optional ex fabbrica, è disattivabile nella guida fuoristrada.

Design e colori tipici di una enduro con lo stile della famiglia BMW GS
La carrozzeria della nuova G 650 GS è stata completamente ridisegnata. Soprattutto la sezione frontale dona all’enduro un’immagine di leggerezza, di sportività e di dinamismo. Il proiettore asimmetrico e il parafango spiovente della ruota anteriore conferiscono alla G 650 GS un look assolutamente indipendente.
L’integrazione di zone verniciate e di elementi in materiale sintetico nero sono perfetti per l’uso off road. L’immagine sportiva viene rafforzata da vari elementi tenuti in nero, come il motore, le coperture dei terminali di scarico, il telaio, il forcellone e i foderi della forcella. Il nero crea un piacevole contrasto cromatico con le tinte unite Aurawhite e Orangerot, mentre a sella è bicolore.
La nuova BMW G 650 GS viene prodotta nello stabilimento BMW Motorrad di Berlino Spandau.

Marco Lasala

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Spot Honda CBR1000RR

Ritorno al futuro per Loris Capirossi: 2011 con Pramac