Menu

Lamborghini Urraco – La veloce berlinetta innovativa

Lamborghini Urraco festeggia il suo 50esimo compleanno.

Due gli artefici del successo della Lamborghini Urraco : Paolo Stanzani, responsabile tecnico della marchio del Toro e Marcello Gandini, che guidava il Centro Stile della Carrozzeria Bertone.

Lamborghini Urraco

Una veloce sportiva 2+2 spinta da un motore V8, posteriore centrale, da 2,5 litri per 220 CV a 7.800 giri/min e dalla velocità massima di 245 km/h.

Per la prima volta,  una vettura di serie, presentava sospensioni indipendenti con sistema McPherson sulle quattro ruote e, per completare le novità, l’adozione di una testata del motore “a camera Heron”, con la caratteristica di avere  la parte interna piatta e la camera di scoppio disegnata all’interno del pistone per avere un rapporto di compressione maggiore.

Ulteriore novità presentata dalla Casa di Sant’Agata Bolognese,  erano i quattro carburatori Weber doppio corpo del tipo 40 IDF1 adottati sulla vettura.

La vettura venne prodotta su esplicita volontà di Ferruccio Lamborghini per rendere il prodotto Lamborghini più accessibile al pubblico.

Aveva dimensioni contenute, lunga soli 4,25 metri, era comunque caratterizzata da spazi interni innovativi grazie alla conformazione  della plancia, alla posizione degli strumenti e alla caratteristica forma a calice del volante.

Lamborghini Urraco  venne presentata sul mercato in diverse versioni

La prima versione, la “P250” dove la “P” indicava la posizione posteriore del motore e “250” la capacità, venne prodotta in 520 esemplari dal 1970 al 1976. Nel 1974 venne presentata la versione “P200” con cilindrata di 1.994 cc e 182 CV, commercializzata dal 1975 al 1977 e prodotta in 66 esemplari, mentre la versione P300 con una cilindrata di 2.996 cc per 265 CV venne prodotta dal 1975 al 1979

Presentata come P250 Urraco, dove la “P” indicava la posizione posteriore del motore, e 250 la capacità del motore (2,5 litri), venne prodotta dal 1970 al 1976.

Questa sportivissima verrà poi proposta al Salone di Torino del 1974 in versione P200 con cilindrata ridotta (1.994 cc per 182 CV) destinata al mercato italiano, dove verrà commercializzata dal 1975 al 1977.

La versione successiva P300 (2.996 cc per 265 CV) fu presentata nel 1974 e prodotta dal 1975 al 1979 in 190 esemplari.

Dalle innovazioni e dal successo della Lamborghini Urraco,  trassero ispirazione i successivi modelli 8 cilindri e quelli a 10 cilindri come la Gallardo  e la Huracan.

 

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter