Menu

Seat Ibiza TGI: massima efficienza con il metano!

Nuova Seat Ibiza TGI  è una valida citycar.

Auto molto versatile, la Nuova Seat Ibiza TGI , con i suoi 4,059 mt di lunghezza, 1,78 mt di  larghezza e 1,444 mt in altezza, è  adatta  per qualsiasi esigenza, e di cliente.

Seat Ibiza TGI: massima efficienza con il metano!

Rispetto all’analoga versione a benzina, consente un netto risparmio sui costi di esercizio, pur se il bagagliaio ha visto ridurre la sua capacità, che ora è di 262 litri, per poter ospitare le bombole di metano.

Seat Ibiza TGI 2020: efficienza e metano!

Sul nuovo model year 2020 di casa Seat, il restyling ha apportato un inedito propulsore, una nuova impostazione della vettura, perché sul libretto di circolazione è classificata come monovalente a metano ma anche un nuovo cambio a sei marce.

Dalla presenza della lettera “T” nella sigla che contraddistingue la vettura è facile dedurre che la meccanica è dotata di turbocompressore, che contribuisce a rendere il propulsore più vivace.

3 cilindri e 90 cavalli: numeri da Seat Ibiza TGI

Il motore presente sulla rinnovata Seat è il nuovo 1.0 TSI 3 cilindri, che eroga una potenza di 90 CV per una coppia massima di  160 Nm; con questi valori di certo l’accelerazione da 0 a 100 km/h non è brillante (avviene in 12,1 secondi) ma il turbo sopravviene durante la marcia in uno con il cambio manuale a sei marce.

Tre bombole a metano per la nuova Seat Ibiza TGI

L’alimentazione della vettura è esclusivamente a metano, nonostante la presenza di un piccolo serbatoio per la benzina della capacità di soli 9 litri,  presente solo per motivi si sicurezza.

Le tre bombole del metano, in acciaio, sono collocate due sotto il pianale del bagagliaio ed una sotto  la seduta del sedile posteriore.

Sull’allestimento top di gamma, le dotazioni di sicurezza sono presenti con il Front Assist per la guida in città, con il rilevatore di stanchezza ed il Cruise Control , così come è in dotazione  il navigatore reattivo con pinch-to-zoom , la radio DAB e telecamera posteriore.

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter