Menu

Tecnologica, ecologica e spaziosa: è la nuova Chrysler Pacifica Hybrid

Chrysler Pacifica HybridChrysler Pacifica Hybrid è un monovolume tecnologico e ricco di contenuti, disponibile ora anche in veste completamente ecologica.

Già il modello tradizionale è riconosciuto come l’auto più acclamata del panorama automobilistico statunitense; un prodotto sviluppato su una piattaforma nuova, più leggera e più rigida rispetto a ogni modello della concorrenza, all’avanguardia in termini di handling: Chrysler Pacifica Hybrid vuole recitare un ruolo da protagonista nel nuovo scenario della mobilità, in preparazione della rivoluzione che porterà a una sempre più crescente diffusione dei veicoli elettrici.

Si tratta del primo modello plug-in con tecnologia ibrida con marchio Chrysler e rappresenta il nuovo benchmark dell’intero segmento.

In un mercato globale dominato dai SUV, Pacifica ha ridato linfa alla tipologia dei monovolume, grazie alla sua qualità progettuale che prevede una spaziosità senza pari abbinata a contenuti di prodotto di altissimo livello.

Per quanto riguarda il design, la sua linea a cuneo con un suo muso prominente, la slancia molto, tanto da farla definire dagli addetti ai lavori come “la GT dei monovolume”. Il suo profilo aerodinamico evoluto consente la massima efficienza in termini di consumi.

Esternamente la Chrysler Pacifica Hybrid si differenzia per alcuni particolari, come il disegno dei cerchi, l’aggiunta dello sportellino per la ricarica, i loghi “e “(come elettrica) colore acquamarina, posizionati proprio sullo sportellino e sul portellone posteriore, dove si trova anche la scritta Hybrid.

In tema di abitacolo e di comfort, Pacifica Hybrid supera ancora le aspettative permettendo di trasportare fino a 7 persone e bagagli. La nuova piattaforma infatti consente di collocare le batterie sotto la seconda fila di sedili, evitando così di perdere posto prezioso per i passeggeri. Per valorizzare ulteriormente la linea ma anche gli interni, e avere l’impressione di viaggiare come su una cabrio, è disponibile in optional il tetto apribile in tre pannelli, che si sposa perfettamente con le ampie superfici vetrate laterali.

La praticità è imbattibile. I sedili possono essere completamente ripiegati a scomparsa, in modo da avere un piano di carico piatto e uniforme, grazie al sistema brevettato Stow ‘n Go che permette di configurare le sedute in base alle esigenze del momento. Le porte sono ampie, scorrevoli e automatiche per consentire un accesso agevole.

Per quanto riguarda le dotazioni, così come per la versione tradizionale, anche la Hybrid dispone degli ultimi ritrovati in termini di sicurezza attiva e passiva, tanto da avere un centinaio di dispositivi preposti a queste funzioni (si avete capito bene, più di cento!).

In Italia la vettura è commercializzata in tre allestimenti:
Hybrid Touring Plus, che prevede: porte laterali scorrevoli e portellone elettrico, controllo automatico della temperatura a tre zone, avviamento del veicolo a distanza, allarme di sicurezza, ganci per le borse, sedili anteriori riscaldati, ParkSense Rear Park Assist, ParkView , Rear Back-Up Camera, Uconnect 4 con display 8.4”.
Hybrid Touring L Plus, con in aggiunta ai contenuti della versione Touring Plus: display a colori da 7 pollici personalizzabile con tutte le informazioni di supporto alla guida, Uconnect  4C NAV con display da 8.4”, Uconnect Theater con streaming wireless, sistema audio Alpine a 13 altoparlanti, volante riscaldato e sedili riscaldati fino alla seconda fila, parabrezza acustico.
– Hybrid Limited, che presenta in aggiunta ai contenuti della versione Touring L Plus: sedili rifiniti in pelle Nappa Premium, sedili anteriori ventilati con memoria, porte laterali scorrevoli e portellone elettrici Hands-Free, tetto apribile panoramico Tri-Pane (optional), specchi esterni cromati, fendinebbia a Led, sospensioni elettroniche.

Nel display integrato sul cruscotto vengono riportate le informazioni relative al sistema elettrico, quali lo stato di carica delle batterie, l’autonomia residua elettrica e complessiva, nonché alcuni utili consigli per ottenere una guida più efficiente e quindi più parca nei consumi. Analoghi dati sono consultabili anche tramite l’apposita app per smartphone che permette di usufruire di altri servizi, quali la programmazione della ricarica, la visualizzazione delle colonnine disponibili e gli aggiornamenti sul livello del “pieno” elettrico.

I comandi vocali permettono al conducente di telefonare, connettersi all’hot spot Wi-Fi 4G, ascoltare la radio e utilizzare app via Apple CarPlay  e Android Auto  senza distrazioni.
La funzione Do Not Disturb, al contrario, chiude tutte le connessioni esterne per concedersi il piacere totale della guida nella tranquillità dell’abitacolo insonorizzato con tecnologia Active Noise Cancellation (ANC ).
Diverse prese USB sono disponibili per la ricarica di cellulari e altri dispositivi.

Chrysler Pacifica Hybrid ha un propulsore ibrido plug-in che abbina il motore a benzina V6 Pentastar  a fasatura variabile (4/6 cilindri) da 3,6 litri, a un sistema costituito da due motori elettrici e dalla trasmissione automatica elettrica variabile EVT, con potenza di ricarica di 6,6 kWh. Questo sistema permette al motore di funzionare da generatore di energia in fase di decelerazione, rendendo più fluide le fasi di frenata con conseguente risparmio sul consumo delle pastiglie, e al tempo stesso di ricaricare le batterie al litio-ion da 16kWh LG-Chem, prodotte negli Stati Uniti. Tramite colonnina o presa di corrente elettrica a 220 Volts, Pacifica Hybrid si carica in sole 2 ore.

I valori di consumo urbano-extra urbano-combinato in modalità elettrica, sono rispettivamente di 2,6-3,0-2,8 le/100 km (ovvero litri equivalenti). Infatti per confrontare i consumi dei veicoli che utilizzano elettricità con quelli tradizionali, viene utilizzato un fattore di conversione dei valori di consumo di energia elettrica (kWh/100km) in litri benzina equivalenti (le/100km).
Il dato dei consumi in litri/km ad utilizzo misto elettrico/benzina, vede i seguenti valori urbano-extra urbano-combinato: 7,3-7,2-7,3 l/100Km.
L’autonomia a emissioni zero è di 53 km, mentre quella totale arriva a 911 km.

ReporTMotori TV

Newsletter