in ,

La sicurezza attiva sbarca sulla nuova Skoda Superb

Tempo di lettura: 2 minuti

skodaPer Skoda la sicurezza di guida è un valore imprescindibile e l’impiego delle più moderne tecnologie è oggi un naturale complemento alle caratteristiche di abitabilità e comfort che sono tipiche di ogni modello.

A partire dalla piccola CITIGO con frenata automatica City Safe Drive fino al recente SUV compatto KAROQ con radar adattivo e sistema anti-investimento pedoni, tutti i modelli Skoda mettono a disposizione dispositivi laser, radar e telecamere che aiutano il conducente in ogni occasione.

Nelle fasi di parcheggio o durante la guida nel traffico cittadino e autostradale, la filosofia Skoda è rendere accessibili tecnologie che semplificano la vita di tutti i giorni, aumentando in modo determinante la sicurezza attiva e salvaguardando così l’incolumità di chi guida e degli altri utenti della strada.

Per questo motivo, Skoda SUPERB nelle versioni berlina e Wagon, ammiraglia della Casa boema, è stata scelta per iniziare un percorso che porterà le più recenti tecnologie a far parte della dotazione di serie della gamma. Oggi, quindi, le versioni Style, SportLine e Laurin&Klement vantano un equipaggiamento di sicurezza che non trova riscontro nelle versioni di serie dei competitor.

Skoda SUPERB nelle versioni Style, SportLine e Laurin&Klement è ora dotata di serie del pacchetto Travel Assistant, che mette al servizio del Cliente:

Traffic Jam Assistant: in caso di traffico intenso, con Lane Assistant e ACC attivi, l’auto è in grado di assistere il conducente nella guida in colonna intervenendo direttamente su motore e sterzo. Il sistema permette all’auto di fermarsi autonomamente e ripartire seguendo l’auto che precede. Il sistema è operativo fino a una velocità massima di 65 km/h.

Emergency Assistant: il sistema si attiva in situazioni di particolare pericolo per chi guida. Il sistema rileva infatti l’inattività del conducente ed è in grado di portare automaticamente il veicolo all’arresto, mantenendolo nella corsia di marcia.

Lane Assistant: grazie a una telecamera anteriore l’auto riconosce le delimitazioni della carreggiata e agisce sullo sterzo per mantenere attivamente il veicolo al centro della corsia.

Blind Sport Detect: i sensori radar rilevano i veicoli in avvicinamento laterale o posteriore misurandone distanza e velocità. Se il conducente inizia una manovra di cambio corsia, attivando la luce di direzione, in una situazione riconosciuta come critica, il sistema attiva i LED di segnalazione e, in casi estremi, con Lane Assistant attivo, interviene sullo sterzo.
Rear Traffic Allert: l’auto aiuta il conducente in uscita da un parcheggio in retromarcia, monitorando la parte posteriore e laterale con sensori radar. Nel caso vengano rilevati oggetti in movimento il sistema informa il conducente con un segnale visivo e acustico, e interviene con la frenata automatica in caso di situazioni critiche.

Smart Light Assistant: l’auto è in grado di rilevare veicoli antistanti o provenienti dalla direzione opposta, adeguando di conseguenza la forma del cono di luce dei fari per impedirne l’abbagliamento, assicurando al contempo la massima illuminazione possibile della strada.

Le dotazioni che compongono il pacchetto Travel Assistant agiscono in sinergia con il sistema radar Adaptive Cruise Control e trovano il necessario completamento nella presenza del cambio automatico DSG (disponibile per 2.0 TDI 150 CV, 2.0 TDI 190 CV e 2.0 TSI 280 CV).

Scritto da admin

La nuova BMW M5 eletta World Performance Car 2018

Ricca dotazione di serie e motori i-VTEC per la nuova Acura TLX 2019