in ,

Harley-Davidson 1200 Roadster speciali off-road a Wheels&Waves

Tempo di lettura: 3 minuti

Harley-Davidson 1200 RoadsterTre moto, tre amici, una sola idea: trascorrere 10 giorni nel deserto del Sahara con moto, tende, abbigliamento e veicolo di supporto realizzati partendo da un foglio bianco in funzione delle esigenze specifiche di un viaggio davvero unico.

Il tutto testimoniato da un film che racconta l’impresa.
Ed è esattamente quanto è stato fatto. E ora le speciali Harley-Davidson off-road realizzate per i Desert Wolves, i Lupi del Deserto, si possono ammirare a Wheels&Waves, evento che si svolge dal 14 al 18 giugno nella bella città di Biarritz, sulla costa atlantica della Francia sud-occidentale.

E più che mai opportunamente, saranno contenute in una struttura di gabbie d’acciaio alta sei metri…

Le tre moto nascono come Harley-Davidson 1200 Roadster e sono diventate “belve” off-road sotto la guida di David Borras, la forza ispiratrice di El Solitario (per gli spagnoli Il Solitario o Lupo Solitario), un costruttore di custom bikes dallo spirito iconoclasta e fuori dagli schemi basato in Galizia, nel nord-ovest della Spagna.
Trasformare una moto assolutamente stradale in una creatura in grado di sopravvivere alle condizioni estreme e alle sfide del Sahara non è cosa da poco.

Ma è esattamente quanto El Solitario è riuscito a fare. Nella sua veste di serie, la Harley-Davidson Roadster è una moto assai versatile con un lato sportivo in evidenza. Proprio per questa sua polivalenza ha il potenziale per essere personalizzata ed elaborata secondo diverse direzioni stilistiche e di utilizzo – che è esattamente il motivo per il quale è stata la prima scelta per le moto del progetto Lupi del Deserto.
Parte del lavoro di trasformazione è stato facile, altri aspetti hanno comportato maggiore impegno.

Le sospensioni sono state la parte più difficile sulla quale intervenire. Ecco perché David, per essere certo di arrivare a una soluzione ottimale, si è rivolto direttamente al leggendario costruttore svedese Ohlins. La forcella anteriore a steli rovesciati della Roadster è stata aggiornata con nuove valvole e nuove molle in maniera abbastanza agevole. Più complesso invece il lavoro che si è reso necessario per i due ammortizzatori posteriori.

La combinazione di corsa dell’ammortizzatore e di peso della moto (in ambito off-road) non era mai stato prima un fattore da considerare per la Race Division di Ohlins e alla fine sono state utilizzate specifiche per veicoli tutto-terreno a quattro ruote (ATV) per ottenere le prestazioni desiderate.

Harley-Davidson 1200 RoadsterIn effetti tutto il lavoro svolto su ogni dettaglio delle moto è frutto di una articolata collaborazione fra vari specialisti – Bark Busters ha disegnato le protezioni in fibra di carbonio per le manopole mentre Kineo ha prodotto i cerchi a raggi da 19” anteriore e posteriore che montano gomme Dunlop tubeless da flat-track per aiutare a mantenere una velocità adeguata anche sulla sabbia più profonda. SC Projects ha disegnato e prodotto lo scarico nero opaco 2-1, ISR ha realizzato specifiche pinze e dischi freno mentre Kriega ha firmato i bagagli morbidi installati sulle moto.

C’è un detto nel mondo dei costruttori di moto secondo il quale “se ha l’aspetto giusto, vuol dire che è giusta”. Nel caso delle specialissime Harley-Davidson 1200 Roadster Off-Road dei Lupi del Deserto davvero non c’è altro da aggiungere…

Scritto da admin

Arriva il videogame ufficiale del Campionato Mondiale MotoGP 2017

Brembo svela l’impegno dei sistemi frenanti alla 24 Ore di Le Mans