in ,

La nuova Volkswagen Arteon pronta per la guida autonoma

Tempo di lettura: 2 minuti

volkswagen, volkswagen arteon,arteonGuida autonoma: l’argomento che più di ogni altro oggi genera discussioni animate nel mondo dell’auto.

Affascina e polarizza in egual misura, il dato di fatto è che le funzioni di guida autonoma aumentano il comfort e spesso anche la sicurezza. Per questa ragione, la nuova Arteon è equipaggiata con più sistemi di assistenza alla guida di ogni altra Volkswagen fino a oggi.

Questi dispositivi sono interconnessi tra loro, come lo è l’interazione dei loro sensori e computer che rendono di fatto possibili le funzioni di guida autonoma. Attraverso l’unione di quattro sistemi di assistenza alla guida, la Arteon è dotata di una tecnologia che in molte circostanze può prevenire pericolosi incidenti: l’Emergency Assist 2.0. Non appena i sensori di questa granturismo all’avanguardia rilevano che il guidatore è in stato d’incoscienza, la Arteon prende – per così dire – il comando. Entro i limiti delle capacità del suo sistema, avverte gli altri utenti della strada e sterza automaticamente verso la corsia più a destra, dove poi si ferma.

volkswagen, volkswagen arteon,arteonSi tratta della peggiore delle ipotesi, tuttavia può capitare che problemi di salute causino una perdita di coscienza nel guidatore. È proprio in queste situazioni che la seconda generazione dell’Emergency Assist è in grado di intervenire. Combina l’ACC (Adaptive Cruise Control), il Side Assist, il Lane Assist e il Park Assist in un unico sistema. Questa unione è capace – entro i suoi limiti tecnici – di arrestare l’automobile nella corsia più a destra. L’Emergency Assist funziona così: non appena i sensori riconoscono che per un tempo determinato il guidatore non ha utilizzato né l’acceleratore, né i freni, né lo sterzo, il sistema avvia delle contromosse coordinate. Per prima cosa, il guidatore è oggetto di sollecitazioni tramite avvisi acustici, visivi e fisici (colpo di freno).

Se, tuttavia, non reagisce, l’Emergency Assist attiva la procedura di arresto d’emergenza descritta sopra. Il sistema attiva in automatico le quattro frecce d’emergenza. Inoltre, attraverso i componenti del Park Assist (sterzo ad assistenza elettromeccanica) e del Lane Assist (rilevamento della corsia attraverso telecamere), la Arteon opera delicate manovre di sterzo per avvertire i guidatori dei veicoli circostanti della situazione di pericolo.

Nel frattempo, l’ACC facilita la frenata automatica e contribuisce, grazie ai sensori radar del frontale, a evitare che l’automobile tamponi i veicoli che precedono. In strade con più corsie, una nuova funzione dell’Emergency Assist 2.0 permette alla Arteon di sterzare in modo controllato fino alla corsia più a destra. Sono il Park Assist e il Lane Assist che rendono possibile questa operazione, mentre il Side Assist utilizza i sensori a ultrasuoni per controllare il traffico che segue l’automobile, in modo da minimizzare il rischio di collisioni durante il cambio di corsia.

Scritto da admin

Aprilia Dorsoduro 900 pone al centro il divertimento del pilota

Sulla nuova Land Rover Discovery Sport arriva la motorizzazione Ingenium