in ,

Nuova Mazda MX-5 RF : leggera, compatta ed open

Tempo di lettura: 5 minuti

C’erano ottimi argomenti per realizzare una versione a tetto rigido della Mazda MX-5 dell’attuale generazione.

In primo luogo, portare il piacere di guida brevettato Jinba Ittai della MX-5 ad un pubblico più ampio.

Dopo tutto, la precedente generazione di modelli a tetto rigido retraibile, la MX-5 Roadster Coupé , effettivamente ha superato la soft-top verso la fine del suo ciclo vitale.

Tre parametri però rendevano l’impresa ardua. Il nuovo modello a tetto rigido sarebbe dovuto rimanere leggero e compatto, conservare lo stesso passo della versione con capote in tela e non avrebbe dovuto sacrificare spazio nel bagagliaio. I progettisti di Mazda hanno usato un pensiero contrario nel presentare la MX-5 RF , decidendo di abbandonare l’idea che un tetto rigido dovesse sparire completamente all’apertura.

Piuttosto audace, ma il risultato è sicuramente una gioia per gli occhi. L’abitacolo straordinariamente sportivo e le linee del tetto spiccatamente fastback fluiscono armoniosamente verso la coda. Anche il design è elegante, per esempio grazie al minimo gioco tra il tetto e i montanti posteriori che circondano le sezioni della scocca. Anzi, non conoscendola, la MX-5 RF potrebbe essere scambiata per un modello coupé.

Il tetto rigido elettrico sulla nuova MX-5 RF offre la sicurezza e la flessibilità che renderà la MX-5 una possibile scelta per molti clienti. Mazda ha lavorato instancabilmente per garantire che il tetto funzioni splendidamente all’altezza del suo aspetto.

Il design esclusivo ha favorito la possibilità di avere un meccanismo eccezionalmente stretto – frutto di innumerevoli ore di lavoro per gli ingegneri e i progettisti – che ha consentito di mantenere invariate le proporzioni della scocca della soft-top aggiungendo circa solo 45 kg al peso complessivo. Mazda ha sincronizzato i movimenti delle tre parti del tetto: le sezioni anteriore e centrale spariscono dietro i sedili, insieme con il lunotto posteriore, al di sotto di un pannello della carrozzeria, mentre la sezione posteriore del tetto con i suoi montanti fastback ritorna alla sua posizione iniziale. Impiega solo 13 secondi per aprirsi/chiudersi utilizzando un comodo comando posto sulla consolle centrale sotto quelli del clima. È il tempo più breve mai realizzato per qualsiasi tetto rigido attualmente disponibile.

Il tetto si apre e si chiude anche in marcia ad una velocità massima di 10 km/h – seguendo l’evoluzione di tutta l’operazione su un apposito display TFT a colori sul lato sinistro del quadro strumenti. Per motivi di sicurezza, il meccanismo non funziona in retromarcia, se il bagagliaio è aperto (o sui modelli con cambio manuale) o quando la vettura è non in folle e con i-stop attivato. Il display TFT, che comunica anche al guidatore se e perché il movimento del meccanismo del tetto non è possibile, e quando il tetto non è in movimento, comprende indicatore del livello del carburante, oltre allo strumento che indica la temperatura dell’acqua e display delle informazioni.

Gli occupanti della MX-5 RF, tuttavia, trascorreranno probabilmente più tempo con il tetto chiuso, ecco perché ci siamo impegnati al massimo per creare un ambiente che fosse il più raffinato possibile. Oltre allo sterzo e alle sospensioni appositamente modificate per migliorare il comfort (vedi capitolo successivo), Mazda puntava ad evitare il più possibile che il rumore penetrasse nell’abitacolo. Per esempio, con un rivestimento interno su tre strati sui i pannelli anteriori e centrale per smorzare il rumore della strada e del vento. La casa automobilistica nipponica ha sigillato i fori intorno al cambio e installato tappetini più ampi, aggiungendo anche materiali di isolamento e smorzamento delle vibrazioni nei passaruota posteriori, nel rivestimento delle porte, nei pannelli della carrozzeria, nella sezione del tunnel e nel vano motore. Di conseguenza, sono stati in grado di ridurre significativamente i livelli di rumore rispetto alla cabina della soft-top.

La MX-5 RF è disponibile con tecnologia audio e connettività ripresa dal modello con capote in tela. Ovvero, un sistema audio premium Bose con 9 altoparlanti di serie con altoparlanti nei poggiatesta di conducente e passeggero. Mazda inoltre offre MZD Connect1, portando in sicurezza all’interno dell’auto la funzionalità basate su smartphone compresa connettività Internet, social network, sistema di navigazione e molto altro. Le funzioni di infotainment che appaiono sul display centrale da 7 pollici, sono controllate tramite HMI Commander situato dietro al cambio o tramite comando vocale, in entrambi i casi consentendo al guidatore di non distogliere lo sguardo dalla strada.

La quarta generazione di MX-5 è stata concepita per elevare la caratteristica sensazione Jinba Ittai di fusione tra vettura e conducente che negli ultimi 28 anni è diventata sinonimo della leggendaria spider. Puntando ad un pubblico più ampio, la MX-5 RF offre una guida più accurata con sospensioni, sterzo e freni appositamente ottimizzati, bilanciando allo stesso tempo la piattaforma della vettura rispetto al maggiore peso e altezza della versione retractable fastback. Senza alcun compromesso per l’agilità.

La MX-5 RF mantiene le sospensioni multilink a doppio braccio anteriore e posteriore, solo con impostazioni riviste per la barra stabilizzatrice anteriore e molle, bracci e tamponi di fine corsa posteriori. La pressione del gas negli ammortizzatori è stata anche adattata per compensare il peso maggiore, aumentando la corsa delle sospensioni e migliorando il comportamento su strada.

Tuttavia, questi cambiamenti hanno avuto un grande impatto sul sistema elettrico di servosterzo (EPAS) doppio sul pignone, scelto per l’attuale generazione di MX-5 per la sua risposta diretta. Mazda quindi ha ricalibrato il sistema per una maggiore linearità e per meglio trasmettere la risposta al conducente per poter guidare la MX-5 RF con la precisione brevettata della roadster. In particolare, gli ingegneri hanno aumentato la quantità di assistenza per una maggiore risposta quando il conducente comincia a girare il volante, riducendola quando lo sterzo viene ruotato ulteriormente per trasmettere la contropressione dagli pneumatici e con una sensazione di risposta più diretta.

I motori a benzina aspirati SKYACTIV offerti per la MX-5 , offrono un mix vincente di prestazioni, agilità e risparmio di carburante. Le motorizzazioni a iniezione diretta SKYACTIV-G 1.5L e SKYACTIV-G 2.0L sono state modificate per il motore della MX-5 costruito sulla piattaforma Front Mid Ship (FMR) che colloca il motore dietro l’asse anteriore.

Ad esempio, il 2.0 litri è non solo più compatto rispetto alle Mazda a trazione anteriore, ma anche di 3 kg più leggero. Caratteristiche per sfruttare di più il potenziale del motore includono un volano rivisto per migliorare la reattività e ridurre il peso del 10%. La casa automobilistica ne ha anche ridisegnato l’efficienza migliorando il collettore di scarico 4-2-1 per il motore longitudinale di una vettura FMR nonché una curva di coppia migliorata. Anche il radiatore è stato modificato per ridurre il peso e migliorare il raffreddamento e lo ha anche riposizionato più vicino al centro di gravità della MX-5.

La speciale regolazione del gruppo da 1,5 litri eroga una potenza massima di 96 kW/131 CV a 7.000 giri/min. e un limite del fuorigiri alzato a 7.500 giri/min. Il 2.0 litri aggiunge la coppia ai regimi medio-bassi in nome di un’accelerazione più rapida e dell’autonomia ed è stato ridefinito ulteriormente nella MX-5 RF per erogare un controllo ancora più preciso nella risposta alla pressione del pedale dell’acceleratore. Questo garantisce 118kW/160 CV a 6.000 giri/min. e una coppia massima di 200 a 4.600 giri/min. Entrambe le unità presentano un rapporto di compressione eccezionalmente elevato di 13:1, come la soft-top, ma con un motore più raffinato adattato agli interni più silenziosi della MX-5 RF . L’Induction Sound Enhancer di Mazda amplifica il suono dell’induzione naturale del motore per produrre una nota vivace e piacevole all’interno dell’abitacolo.

Scritto da admin

Magneti Marelli fornitore esclusivo centraline Moto2

Eagle Spyder GT : la speedster inglese per pochi eletti