in

Andrea Iannone cade in Catalunya

Tempo di lettura: 2 minuti

Andrea Iannone Gara difficile per i due piloti del Ducati Team al Montmeló, Andrea Iannone , stava disputando una bella gara in sesta posizione ed aveva raggiunto Lorenzo, quando si è dovuto ritirare nel corso del diciassettesimo giro a causa di una caduta in cui ha anche coinvolto il pilota spagnolo.

Alla fine della gara la Race Direction ha deciso di comminare una penalizzazione ad Andrea Iannone che quindi partirà dall’ultima fila nel prossimo GP di Olanda, in programma ad Assen il 26 giugno.

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – Ritirato.
“Mi dispiace molto per quanto è accaduto con Lorenzo perché stavo facendo una bella gara con il poco grip che avevo. Stavo guidando bene e riuscivo a spingere forte, senza fare errori, tanto che stavo andando a prendere Jorge. Per quanto riguarda l’incidente, voglio solo dire che non ho potuto fare niente per evitarlo: io ho frenato nello stesso punto di tutti i giri precedenti ma lui era molto lento in quel momento e purtroppo l’ho toccato e siamo caduti entrambi. Può sembrare che io sia arrivato molto più forte e che volessi provare a superarlo ma non è andata cosi e analizzando i dati della telemetria abbiamo avuto la conferma.”

Jorge Lorenzo :”Prima di tutto, come ho detto ieri, tutto quello che mi è accaduto è secondario dopo la triste vicenda di Venerdì ( decesso di Luis Salom NDR). A proposito della gara, è incredibile quello che ha fatto Andrea Iannone , un altro errore! Invece di dire “mi dispiace”, mi ha chiesto se avevo un guasto al motore o qualcosa di strano al propulsore. Ho pensato che fosse colpa sua ma continuava a non chiedere scusa. C’è sempre un pilota che non capisce i rischi e che le sue azioni possono seriamente danneggiare gli altri piloti. Se la Direzione Gara nongli darà una penalizzazione dura, esattamente come hanno fatto con me nel 2005, nulla cambierà perchè questi tipi di piloti non capiscono che devono cambiare la loro mentalità. Ecco perché penso che iniziare la gara dalla ultima posizione non è sufficiente, perché in cinque o sette giri, vista la sua velocità, sarà nuovamente avanti e sarà causa di altre cadute”.

 

Scritto da admin

La rabbia di Jorge Lorenzo contro Iannone

Nuova Opel Zafira