in

Nuova Audi R8 V10 Plus

Tempo di lettura: 3 minuti

Nuova Audi R8 V10 PlusE’ la più potente Audi di tutti i tempi, una coupé che forte di una potenza straordinaria, ben 610 cavalli e di una leggerezza da primato, sfodera prestazioni pazzesche per entrare con vigore e decisione nell’olimpo delle vetture da oltre 300 km/h: parliamo della nuova Audi R8 V10 Plus.

Il suo motore centrale promette prestazioni da paura, i 610 cavalli erogati dallo straordinario dieci cilindri a V da 5,2 litri si trasformano, sulla carta, in dati da primato: i 100 km/h con partenza da fermo vengono bruciati in soli 3,2 secondi, mentre la velocità di punta arriva a 330 km/h, questo ed altro per la nuova Audi R8 V10 Plus.

Il 5,2 litri, aspirato, arriva a toccare quota 8.700 giri, diventando un vero e propio motore da corsa: la lubrificazione a carter secco e la presenza del sistema Cylinder on Demand ( COD), dispositivo che a bassi carichi esclude una bancata di cilindri, garantisce, nonostante una potenza da primato, consumi ridotti, rispetto alle versioni precedenti, del 13 % !

La doppia iniezione, a seconda delle esigenze, inietta carburante nelle camere di combustione e nel condotto di aspirazione, inoltre a velocità superiore a 55 km/h, se il guidatore toglie il piede dal pedale dell’acceleratore, la nuova Audi R8 V10 Plus, prosegue nella sua corsa, disattivando il motore dalla trasmissione, in maniera tale da far procedere la bella coupé in modalità veleggiamento .

Ogni cavallo, sulla R8 V10 Plus, deve muovere solo 2,38 chilogrammi: con una tale rapporto peso/potenza lo 0-200 km/h, in quanto viene coperto? In soli 9.9 secondi !

A monte del V10 si trova il cambio S tronic a sette rapporti, dai cambi marcia fulminei e a gestione elettrica (by wire). Il cambio a doppia frizione invia la coppia alla trazione quattro, di nuova concezione, dotata di frizione a lamelle ad azionamento elettroidraulico all’asse anteriore. Per garantire le massime prestazioni viene raffreddata attivamente ad acqua. La frizione ripartisce la coppia in modo completamente variabile in base alla situazione di marcia: all’avantreno o al retrotreno può essere convogliato fino al 100% della coppia.

La gestione della frizione è integrata nel sistema di regolazione della dinamica di marcia Audi Drive Select e permette al guidatore di scegliere tra le modalità di base “comfort”, “auto”, “dynamic” e “individual”. Nella R8 V10 plus la modalità Performance comprende tre ulteriori programmi – “dry”, “wet” e “snow” – che adeguano i più importanti parametri della dinamica di marcia in funzione del coefficiente di attrito della strada (optional per la versione V10). Il differenziale meccanico autobloccante all’asse posteriore è di serie; le percentuali di bloccaggio sono state ridefinite per potersi adattare alla trazione quattro e al suo sistema di regolazione attiva.

Nel modello di punta R8 V10 plus la massa a vuoto (senza guidatore) è di soli 1.555 chilogrammi, il peso a secco addirittura di 1.454 chilogrammi. Il fattore determinante di questo concetto coerente di costruzione leggera è l’Audi Space Frame (ASF), che pesa solo 200 chilogrammi grazie a una struttura multimateriale innovativa. È composta per il 79% da alluminio e per circa il 13% da un materiale rinforzato con fibre di carbonio (CFRP) – in linea con la filosofia Audi “il materiale giusto, nella giusta quantità, nel punto giusto”.

L’abitacolo della nuova R8 è molto simile a quello di una vettura da corsa. Il guidatore può gestire tutte le funzioni importanti senza togliere le mani dal volante e senza dover distogliere lo sguardo dalla strada. Il volante sportivo multifunzione plus R8 in pelle, di serie nella R8 V10, comprende anche due gruppi di tasti, detti satelliti, per l’avviamento/arresto del motore e per l’Audi Drive Select. Il volante in pelle Performance R8 con quattro satelliti (di serie nella V10 plus, optional nella V10) è dotato di un tasto in più con rotellina per la modalità Performance e di un altro tasto per gestire l’impianto di scarico.

Anche il display digitale ricorda un’auto da corsa: l’Audi Virtual Cockpit, un monitor TFT con diagonale di 12,3 pollici, visualizza tutte le informazioni sotto forma di grafici precisi e ad alta risoluzione. Il guidatore può scegliere tra tre diverse modalità di visualizzazione. Nella modalità Performance intorno al contagiri vengono visualizzate altre indicazioni, tra cui per esempio coppia e potenza, temperatura dell’olio e degli pneumatici, accelerazione o tempi sul giro. La configurazione degli indicatori intorno al tachimetro e al contagiri può essere personalizzata a piacere in base alle proprie esigenze.

Scritto da admin

Richiamo per le KTM 1290 Super Duke R

Max Biaggi ritorna a Sepang