in

Nuova Mercedes Classe G

Tempo di lettura: 2 minuti

Mercedes Classe GE’ un compleanno di quelli importanti quello della Mercedes Classe G, icona tedesca che dopo 35 anni di successi, inaugura un nuovo filone.

Cavalcando la tradizionale imponenza della Mercedes Classe G, debutta il nuovo V8 da 4 litri, un motore dotato di iniezione diretta e sovralimentazione biturbo, lo stesso propulsore già presentato sulla show car G 500 4×4².

Il nuovo otto cilindri che equipaggia G 500 condivide il DNA della nuova generazione di motori V8 sviluppati da Mercedes-AMG, che hanno già debuttato sulle Stelle high performance GT e C 63. Opportunamente adattato alle esigenze della Classe G, eroga in questa versione 310 kW (422 CV) di potenza a fronte di 610 Nm di coppia, a garenzia di pronta risposta ed elevata capacità di trazione.

Le principali modifiche riguardano, ad esempio, i due turbocompressori che non sono posizionati all’esterno, sulle bancate di cilindri, bensì tra loro, nella V dei cilindri, la cosiddetta “V interna calda”. Tale configurazione consente una struttura compatta, tempo di risposta ottimale e ridotte emissioni allo scarico. L’iniezione di benzina diretta con iniettori piezoelettrici utilizzata da Mercedes-Benz con processo di combustione a getto guidato è garanzia di elevata efficienza. Il basamento del V8 in alluminio assicura la massima resistenza a fronte di un peso straordinariamente contenuto. Le pareti interne dei cilindri, realizzate con tecnologia NANOSLIDE sviluppata da Daimler, presentano una durezza doppia rispetto alle pareti in ghisa grigia convenzionali, minimizzano l’attrito interno a tutto vantaggio dell’economia dei consumi.

Dati tecnici

• Su G 350 d la potenza aumenta da 155 kW/211 CV a 180 kW/245 CV, mentre la coppia passa da 540 a 600 Nm.
• AMG G 63 raggiunge ora i 420 kW/571 CV (+20 kW/27 CV) a fronte di 760 Nm di coppia.
• Su AMG G 65, invece di 450 kW/612 CV, il dodici cilindri eroga ora
463 kW/630 CV a 1000 Nm di coppia.

G 350 d, G 500 ed AMG G 63 sono dotati di serie di funzione ECO start/stop che, tramite lo spegnimento del motore durante i periodi di sosta, ad esempio in coda o al semaforo, riduce consumi ed emissioni.

Tipicamente G rimangono le solide fondamenta rappresentate da carrozzeria e telaio a longheroni e traverse che riescono a gestire al meglio l’attuale aumento di potenza, pur mantenendo un interessante potenziale margine di potenziamento futuro. Confermate anche le ineguagliabili prestazioni offroad con trazione integrale permanente, rapporto fuoristrada e tre bloccaggi del differenziale inseribili durante la marcia.

L’assetto di serie è stato modificato e presenta ora ammortizzatori ottimizzati. In questo modo offrirà un migliore controllo dei movimenti della carrozzeria ed ancora più comfort di marcia su strada. Una nuova messa a punto dell’ESP garantisce maggiore dinamismo a fronte di stabilità e sicurezza di marcia ancora superiori. Le ottimizzazioni a livello di ASR ed ABS migliorano nel contempo la trazione e riducono lo spazio di frenata. A richiesta sono inoltre disponibili per G 500 nuovi ammortizzatori regolabili con modalità Sport e Comfort. In modalità Sport assicurano prestazioni on-road decisamente più agili a fronte di imperturbabili capacità off-road riducendo la tendenza al rollio in curva tipico dei fuoristrada.

Scritto da admin

Jeep Cherokee 2.2 Multijet II

Nuova Mini John Cooper Works: si vola!