Menu

Volvo 780

Volvo 780La ricordo perfettamente, all’epoca era un ragazzo e nonostante i miei coetanei amassero automobili decisamente diverse io ero preso da quella coupé, così mastodontica ma perfettamente equilibrata nelle linee e nelle proporzioni, sarà che in quegli anni mio padre aveva una 360 e sicuramente mi aveva influenzato, ma la Volvo 780 per me resta ancora una delle coupé di grandi dimensioni più belle ed eleganti prodotte dalla casa automobilistica svedese.

La Volvo 780 era una evoluzione della inossidabile serie 700, era la sintesi perfetta tra chi desiderava un auto elegante e solida e chi amava quel pizzico di sportività che non guasta mai: lo zampino dello stile Italiano era chiaro,evidente, intenso e la matita di Nuccio Bertone aveva tirato il meglio dal suo estro .

Nel marzo del 1985 al Salone di Ginevra su esposta quella che rappresento essere la più costosa coupé di serie mai prodotta dalla casa svedese, la Volvo 780 coupé, una naturale evoluzione della Volvo 262C, una coupé nata sempre dalla collaborazione tra Bertone e Volvo, esemplare di cui vennero costruiti 6.622 unità, tra il 1977 e 1981.

La Volvo 780 era dotata di tutto ciò che un auto poteva desiderare per quei tempi: climatizzatore, freni ABS e controllo automatico dei livelli, stereo comandato da microprocessore, sedili rivestiti in pelle, inserti di radica sulla plancia, tappo serbatoio e bagagliaio apribili dall’interno, tutto era di serie!

Le prime Volvo 780 erano spinte da propulsori a gasolio, successivamente fecero la loro comparsa i motori a quattro cilindri sovralimentati ed un canonico V6 benzina, un motore perfetto per questa vettura!

Fra il 1985 e il 1990 furono costruite 8.518 Volvo 780. Nell’ultimo anno di produzione, la 780 aveva un costo di 315.200 corone in Svezia, rispetto alle 247.500 corone della 760 GLE.

A distanza di 30 anni, questo modello ancora mi suscita emozioni, sarà che in me trionfa ancora la voglia di possedere una 480 ed averla in garage, sarà che da sempre per mio padre Volvo era sinonimo di sicurezza e lui amava proteggere la sua famiglia!

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter