in

Marc Marquez sorprende in Moto2

Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Campione del Mondo 125 sorprende al primo test ufficiale Moto2. Inseguono Redding e Simon.
Tre giorni di sole e temperature intorno ai 14/15ºC hanno permesso ai piloti della classe intermedia di concentrarsi nello sviluppo delle proprie moto. Migliore dell’intero test è stato il Campione del Mondo in carica classe 125 Marc Marquez. Il pilota del team Catalunya Caixa Repsol, insieme a Scott Redding (1’35.68) e Julian Simon (1’35.9), è l’unico in grado di rompere la barriera dell’1’36, scendendo fino all’1’35.6.
Tempi molto vicini per tutti i primi della classe con Yuki Takahashi (Gresini Racing) e Thomas Luthi (Interwetten Moto2) appaiati in 1’36.0. Solo settimo l’abruzzese Andrea Iannone, anche se il pilota del team Speed Master ha dovuto fare i conti con una caduta negli ultimi minuti della giornata.
Aleix Espargaró (Pons Racing) e Alex De Angelis (Jir Moto2) completano le prime nove posizioni mentre il primo degli italiani è Michele Pirro (Gresini Racing) davanti a Claudio Corti (Italtrans STR) e Simone Corsi (Ioda Racing).
Per chiudere una notizia di “mercato” con la firma di Lukas Wargala, pilota polacco, con il team G22 per questa stagione.

Di seguito i tempi non ufficiali:
Marc Márquez (Catalunya Caixa Repsol, Suter), 1’35.6
Scott Redding (Marc VDS Racing, Suter), 1’35.6
Julián Simón (Mapfre Aspar, Suter), 1’35.9
Yuki Takahashi (Gresini Racing, Moriwaki), 1’36.0
Thomas Lüthi (Interwetten Paddock M2 Racing, Suter), 1’36.0

Marco Lasala

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Nuova Lancia Thema

Joan Lascorz pronto alla sfida Superbike