in

Auto GPL – Il serbatoio ora si può cambiare anche in officina

Tutte le operazioni di verifica e prova di auto GPL possono essere effettuate presso le officine autorizzate e la Motorizzazione Civile.

Tempo di lettura: 2 minuti

Auto GPL devono sottoporsi a verifica e prova per l’eventuale sostituzione del serbatoio, operazione obbligatoria ogni dieci anni.

Con un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, pubblicato lo scorso 8 gennaio sulla Gazzetta Ufficiale, tutte le operazioni di verifica e prova di auto GPL possono essere effettuate anche presso le officine autorizzate che affiancano così la Motorizzazione Civile.

La nuova norma, in attuazione di quanto dispone il Decreto Semplificazioni, dispone che “la sostituzione del serbatoio GPL del sistema di alimentazione bi-fuel o monofuel” rientra tra le modifiche ai veicoli e tale operazione per la quale è prevista l’aggiornamento della Carta di Circolazione non è più subordinato alla visita e prova degli uffici della Motorizzazione Civile.

Auto GPL

Il decreto dispone altresì che entro trenta giorni dal giorno in cui sono state effettuate le verifiche e prova, l’intestatario della vettura risultante dalla Carta di Circolazione deve richiedere direttamente alla Motorizzazione Civile competente per territorio l’aggiornamento della carta di circolazione.

La richiesta di revisione di auto GPL può essere fatta anche tramite una agenzia di consulenza automobilistica espressamente autorizzata.

La Motorizzazione Civile provvederà a rilasciare un tagliando adesivo, che dovrà essere applicato sulla Carta di Circolazione che riporta le variazioni oppure le integrazioni effettuate.

Il provvedimento è stato accolto con favore dagli operatori del settore, perché oltre ad essere una semplificazione amministrativa è anche un modo per decongestionare il lavoro della Motorizzazione Civile oltre ad avere un impatto positivo su tutti gli altri settori quantificabile in risparmi di tempo non indifferenti.

Il presidente dell’Assoliquidi/Federchimica, Andrea Arzà ha avuto modo, tra l’altro, di dichiarare:

“Il Decreto ministeriale pubblicato oggi è un’ottima notizia per il nostro settore e per i tanti automobilisti italiani che hanno scelto auto GPL ”

Oltre che un obbligo di legge, si tratta in ogni caso di un adempimento che inficia sulla sicurezza propria ed altrui, a cui è bene prestare sempre molta attenzione.

Giuseppe Lasala

Scritto da Giuseppe Lasala

Manager con svariata esperienza nel settore contabile ed amministrativo, da sempre appassionato di motori, segue per ReportMotori il segmento automotive e tutto ciò che concerne il lancio di nuove proposte.

MyPeugeot

MyPeugeot – La nuova app della casa del Leone

SUV - Lamborghini Urus

Quali sono i SUV più veloci e potenti al mondo?