Menu

Scrambler Desert X la Ducati pronta per la Dakar

Scrambler Desert X non è solo un concept!

E’ stato presentato per la prima volta allo scorso Salone di Milano, Ducati Scrambler Desert X si basa sulla Scrambler 1000

Ducati Scrambler Desert X

Vuole affrontare la Dakar e come da tradizione della casa di Borgo Panigale, non vuole essere una semplice spettatrice, ma vuole giocare un suolo da protagonista!

Scrambler Desert X sfrutta il motore Desmo da 1.110 cc

Le informazioni ad oggi pervenute sono pochissime, sappiamo solo la sua base di partenza, una Scrambler 1.110 e parte del suo equipaggiamento. 

Cerchi a raggi da 21 pollici all’anteriore e 18 al posteriore con gomme semitassellate Pirelli Scorpion Rally

Sviluppata dal centro stile Ducati, il riferimento alla leggendaria Dakar degli anni ’90 è lampante.

Motore da 1,1 litri, un bicilindrico a V di 90 gradi, raffreddato ad aria, con alimentazione ad iniziazione elettronica ed avviamento elettrico. 

L’alesaggio è di 98 millimetri, la corsa di 71, la frizione è multidisco e la distribuzione segue lo schema desmodromico con il richiamo pneumatico delle valvole. 

Un Desmo Due che sprigiona una potenza massima di 83 cavalli ( 63 kW) a 7.500 giri al minuto, con una coppia massima di 9 kgm a 4.750 giri al minuto .

Un motore che risponde alla normative Euro 5 e che è abbinato ad un cambio meccanico a 6 rapporti. 

Scrambler Desert X vedrà mai la luce?

In una politica di forte sviluppo ed espansione verso nuovi segmenti di mercato, Ducati si sta imponendo con una serie di modelli innovativi, dal forte appeal tecnico e tecnologico.

Sicuramente il progetto Scrambler ha portato una ventata di novità e conquistato un pubblico più giovane, più amante dello spirito libero, moto che grazie alle sue numerose varianti ed a un prezzo di acquisto relativamente basso, ha conquistato una importante fetta di mercato.

Se ad oggi la Desert X è un concept, sappiamo bene che questo non è altro un modo per le case auto e motociclistiche di saggiare il mercato e valutare la risposta del pubblico.

Dunque secondo voi, la vedremo mai sulle nostre strade?

Marco Lasala

ReporTMotori TV

Newsletter