in ,

Tecnologia digitale per la nuova Audi Q7

Tempo di lettura: 3 minuti

nuova audi q7

Analogamente ai più recenti modelli della gamma Q di Audi, anche la rinnovata Q7 si avvale degli stilemi distintivi degli sport utility della Casa dei quattro anelli, portati al debutto dal SUV coupé Q8.

L’ampio single frame ottagonale, caratterizzato da sei listelli verticali cromati, rende nuova Q7 ancora più maestosa.

Le prese d’aria laterali, suddivise in due parti, sono caratterizzate da un design più incisivo rispetto alla precedente generazione. I proiettori, grazie all’inedito profilo e alla firma luminosa immediatamente riconoscibile, accentuano ulteriormente l’impronta a terra della vettura.

Ciò conferisce ad Audi Q7 un aspetto muscoloso ed espressivo come non mai.

Osservando l’auto lateralmente, le rinnovate zone sottoporta ne enfatizzano l’altezza da terra e la vocazione off-road. I passaruota pronunciati sottolineano come la trazione quattro sia di serie.

Le linee orizzontali caratterizzano anche il retrotreno, integralmente ridisegnato.

I sottili gruppi ottici posteriori dal look hi-tech sono collegati visivamente da un incisivo listello cromato che enfatizza l’ampiezza della vettura.

Sempre al retrotreno, spiccano l’estrattore, le protezioni sottoscocca e la fascia inferiore che integra alle estremità i terminali di scarico.

La finitura antracite dello spoiler anteriore, il rivestimento degli archi passaruota e i rinnovati sottoporta rafforzano il carattere all terrain di nuova Audi Q7 .

Optando per il pacchetto S line exterior, a richiesta, Audi Q7 è integralmente verniciata in tinta e corredata di una protezione sottoscocca posteriore maggiorata. Le calotte dei retrovisivi esterni sono disponibili in carbonio o in nero.

Nuova Audi Q7 è dotata di serie di fari con tecnologia a LED.

Al top della gamma sono previsti i proiettori a LED Matrix HD con luce laser Audi che abbinano agli abbaglianti adattivi, forti di 24 diodi, lo spot laser – una novità – così da incrementare sensibilmente la portata del fascio luminoso. Le luci diurne sono caratterizzate da un look tridimensionale e digitale.

Analogamente ai gruppi ottici posteriori, i proiettori anteriori integrano gli indicatori di direzione dinamici e le animazioni coming home/leaving home.

Assetto hi-tech: sospensioni pneumatiche, sterzo integrale e stabilizzazione antirollio attiva

Nuova Audi Q7 può contare su di un comportamento dinamico sconosciuto alla precedente generazione. Per la prima volta, il SUV full size dei quattro anelli dispone della stabilizzazione antirollio attiva.

Tale dotazione tecnica, in abbinamento allo sterzo integrale, porta in dote una maneggevolezza e agilità da riferimento.

Caratteristiche che si accompagnano al comfort, degno di un’ammiraglia e da sempre fiore all’occhiello della vettura grazie alla disponibilità delle sospensioni pneumatiche adattive che, insieme alla trazione quattro (di serie), rendono nuova Audi Q7 perfettamente a proprio agio anche nella marcia fuoristrada.

Tecnologia mild-hybrid: di serie per tutte le motorizzazioni

Nuova Audi Q7 è proposta con due motori Diesel e un propulsore a benzina che condividono il frazionamento (6 cilindri), l’architettura a V e la cubatura di 3 litri.

Nel caso di Q7 45 TDI , il 3.0 TDI eroga 231 CV e 500 Nm di coppia.

Il SUV dei quattro anelli accelera così da 0 a 100 km/h in 7,1 secondi e raggiunge una velocità massima di 229 km/h.

A Q7 50 TDI è riservata la versione più potente del V6 TDI, accreditata di 286 CV e 600 Nm. Per lo scatto da 0 a 100 km/h sono sufficienti 6,3 secondi, mentre la velocità massima tocca i 241 km/h.

Il motore top di gamma è il nuovo tre litri benzina appannaggio di Q7 55 TFSI, forte di 340 CV e 500 Nm di coppia cui conseguono uno 0-100 km/h in meno di 6 secondi e una velocità massima autolimitata di 250 km/h.

Analogamente al 3.0 TFSI, debutterà in un momento successivo al lancio anche la versione plug-in hybrid Q7 55 TFSI e che completerà la gamma del rinnovato SUV full size dei quattro anelli.

Tutte le motorizzazioni di nuova Audi Q7 sono caratterizzate da un’elevata efficienza.

Una caratteristica alla quale contribuisce in misura determinante la tecnologia mild-hybrid (MHEV) a 48 Volt, di serie.

Nell’esercizio di marcia reale, tale soluzione tecnica può ridurre i consumi fino a un massimo di 0,7 litri ogni 100 chilometri.

La rete di bordo a 48 Volt, spina dorsale del sistema MHEV, vede l’alternatore-starter azionato a cinghia (RSG), collegato all’albero motore, recuperare fino a 8 kW di potenza nelle fasi di decelerazione; questa energia viene immagazzinata in una specifica batteria agli ioni di litio, da cui viene successivamente veicolata ai dispositivi integrati nella rete di bordo.

Qualora il conducente rilasci il pedale dell’acceleratore a velocità comprese tra 55 e 160 km/h, nuova Audi Q7 è in grado di avanzare per inerzia “in folle” o di veleggiare a motore spento per un massimo di 40 secondi.

Non appena il conducente preme nuovamente l’acceleratore, l’RSG riavvia il motore in modo più rapido e progressivo rispetto a un motorino di avviamento tradizionale.

La modalità start/stop è attiva già a partire da 22 km/h.

Scritto da admin

Raduno record al Parco Valentino per il Mazda MX-5 Icon’s Day

Massima sicurezza con i sistemi Nolan N-COM