Menu

E’ pronta per le competizioni la nuova Alpine A110 Cup

Alpine A110 CupEra 1973 quando la Alpine vinse il Campionato mondiale Rally, conquistando nel 1978 conquista il Campionato Mondiale classe LMP2 confermando il suo successo nel mondo motorsport.

Continuando sulla scia dei suoi successi nella massime competizioni sportive, la Alpine ha sviluppato e commercializzato la nuovissima A110 Cup , vettura omologata secondo gli standard imposti dalla FIA.

L’obiettivo è stato quello di fornire ai piloti il maggior divertimento di guida possibile, siano essi principianti o esperti.

Pesa solo 1.050 kg con una potenza di 270 cavalli (3,9 kg per cavallo), la nuova Alpine A110 Cup promette di offrire prestazioni impressionanti.

Sarà venduta ad un prezzo prossimo ai 100.000 euro e parteciperà a diversi campionati mondiali, tra cui, nel 2018, il suo campionato monomarca, l’ Alpine Europe Cup.

Massima attenzione è stata riservata alla sicurezza, attiva e passiva, la nuova Alpine A110 Cup presenta soluzioni tecniche ingegnose a cominciare dalla telaio monoscocca cui sono poi incollate ed incernierate i telaietti motore e sospensioni. I sedili Sabelt hanno gli appoggiatesta incorporati, cinture di sicurezza a sei punti, attacchi HANS. L’estintore in caso di incendio, ha la commutazione automatica, così come la batteria è priva di liquidi.

Dal punto di vista del comparto frenante, la Alpine A110 Cup monta dischi freno anteriori da 355 millimetro e posteriori da 330, con pinze a sei pistoncini, l’ ABS ed il controllo di trazione sono di serie, e possono esser disabilitati o regolati su diversi parametri di intervento.

Per quanto concerne il propulsore, rispetto al motore di serie, il milleotto turbocompresso sprigiona una potenza massima di 270 cavalli, 18 in più rispetto a quello di serie, con una coppia massima immutata, circa 320 Nm.

La gestione elettronica del motore è affidata all’avanzata centralina elettronica Magneti Marelli SRG 140, unità che comprende anche il sistema di acquisizione dati motore e telaio.

Il propulsore è abbinato ad un cambio sequenziale sei marce, sviluppato appositamente per questa vettura; il differenziale autobloccante è a slittamento limitato.

a cura di Marco Lasala
marco.lasala@reportmotori.it

ReporTMotori TV

Newsletter