in ,

Presentata la nuova Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO

Tempo di lettura: 7 minuti

Lamborghini Squadra Corse, il reparto Motorsport di Automobili Lamborghini, svela in anteprima mondiale la nuova Huracán Super Trofeo EVO con un evento esclusivo a Sant’Agata Bolognese durante il quale si annuncia anche la nuova partnership con la celebre maison svizzera di orologi di lusso Roger Dubuis.

A distanza di tre anni dal debutto della Huracán LP 620-2 Super Trofeo, è giunto il momento di una profonda evoluzione per la vettura da corsa che anima i campionati monomarca della Casa di Sant’Agata Bolognese.

La nuova Huracán Super Trofeo EVO innalza i già elevati standard del suo predecessore grazie a un’aerodinamica completamente ridisegnata, a dispositivi che aumentano la sicurezza e a novità meccaniche ed elettroniche.

Questo per garantire ai piloti e ai team del campionato monomarca Lamborghini Super Trofeo uno strumento ancor più professionale ed efficace, che debutterà in pista nelle tre serie continentali Europa, Asia e Nord America a partire dalla primavera del 2018.
La vettura, oltre al monomarca, può anche prendere parte ai campionati Gran Turismo internazionali che ospitano la categoria GT Cup e alle gare endurance, per una maggiore versatilità d’utilizzo da parte di team e piloti.
La livrea della Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO è stata disegnata dal Lamborghini Centro Stile e pone l’accento sulle inedite forme della vettura. Basata sulla tinta Grigio Titan, la colorazione del modello celebra la partnership, a partire dal 2018, fra Lamborghini Squadra Corse e Roger Dubuis.
I due marchi sono accomunati dagli stessi valori, quali la continua ricerca dell’eccellenza, di materiali innovativi, l’attenzione maniacale per il dettaglio nella realizzazione di strumenti di precisione quali sono gli orologi Roger Dubuis e le vetture Lamborghini.

Stefano Domenicali, Chairman & Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini: “Lamborghini Squadra Corse continua nel suo percorso di crescita volto a consolidare la nostra posizione di trend setter nel mondo delle competizioni. Siamo orgogliosi di collaborare con un brand di prestigio come Roger Dubuis con cui condividiamo i valori per la continua innovazione e unicità dei nostri prodotti. Questo sempre nel rispetto della tradizione e con l’obiettivo di emozionare e stupire i nostri clienti e appassionati del marchio in tutto il mondo”.

Jean-Marc Pontroué, CEO di Roger Dubuis, è altrettanto entusiasta di questa nuova partnership: “Al pari di Lamborghini, anche noi offriamo “motori” che si distinguono per la loro estrema qualità e prestazioni all’avanguardia. E proprio come i possessori di queste eccezionali vetture supersportive italiane, anche i nostri clienti sono interessati ad un design che possa combinare esclusività e aspirazione. Combinando i nostri talenti nell’offrire prodotti straordinari dal valore esperienziale unico, ci stiamo quindi collocando sempre più in alto.”

Nuova Huracán Super Trofeo EVO: la vettura di riferimento per i campionati monomarca
La prima versione della Lamborghini Huracán Super Trofeo è stata svelata alla Monterey Car Week in California nell’agosto del 2014. Con oltre 150 unità vendute dal suo esordio e una partecipazione media annua di 90 vetture suddivise fra i 4 campionati continentali (Europa, Asia, Nord America, Medio Oriente), la Huracán Super Trofeo è diventata in breve tempo uno dei modelli di riferimento fra le serie monomarca.
Lamborghini Squadra Corse ha sviluppato una profonda evoluzione della vettura per enfatizzare maggiormente le caratteristiche peculiari che hanno decretato il successo del modello: prestazioni ed emozioni di una GT3, ma con costi di gestione nettamente inferiori.

La nuova Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO si evolve seguendo la medesima filosofia, ma innalza notevolmente le sue doti. Questo grazie a un inedito body kit sviluppato dagli ingegneri del reparto Motorsport di Automobili Lamborghini in collaborazione con la Dallara Engineering e con il Lamborghini Centro Stile.
La finalità è mantenere la medesima elevata deportanza del precedente modello, ma con un aumento dell’efficienza globale aerodinamica per avere minor resistenza all’avanzamento e una maggiore stabilità.

L’aerodinamica
Il body kit della nuova Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO è realizzato in fibra di carbonio e tutte le componenti sono ridisegnate completamente. Restano invariati soltanto il fondo piatto, lo splitter anteriore e il diffusore posteriore. Una scelta dettata dalla volontà di mantenere la stessa deportanza e di non innalzare i costi di gestione per i team clienti.

Giorgio Sanna, Responsabile del Motorsport di Automobili Lamborghini: “I nostri clienti sono la principale motivazione per cui siamo sempre alla ricerca dell’eccellenza e del miglioramento continuo ed è per questo che nel progettare la nuova Huracán Super Trofeo EVO abbiamo tenuto conto delle esigenze pratiche di team e piloti. Trattandosi di un campionato monomarca, non c’è la necessità regolamentare di modificare un modello già vincente. Ma con la EVO abbiamo voluto offrire ai nostri clienti uno strumento ancor più appagante da guidare, con prestazioni superiori e una maggior sicurezza.”

Una delle novità più evidenti del body kit della Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO è rappresentata dalla “pinna” longitudinale (rear fin) sul cofano posteriore e dalla presa d’aria superiore.
La “pinna” laterale sul cofano posteriore, soluzione adottata dai prototipi di classe LMP1 della 24 Ore di Le Mans, dalle monoposto di Formula Uno e introdotta per la prima volta su una vettura Gran Turismo da corsa da Lamborghini Squadra Corse, serve ad aumentare la stabilità. Durante i test di sviluppo della nuova Huracán Super Trofeo EVO, iniziati già la scorsa primavera, i piloti ufficiali Lamborghini che si sono alternati al volante hanno percepito un sensibile aumento della stabilità durante la percorrenza delle curve veloci, con una riduzione del sovrasterzo a tutto vantaggio della stabilità di guida e una velocità di percorrenza curva superiore.

Il cosiddetto airscoop sul tetto ha invece una duplice funzione: la prima è quella di creare una sovralimentazione dinamica per il propulsore V10 aspirato di 5.2 litri da 620 cavalli, quantificabile in un aumento di coppia del 3% alla velocità massima.
La seconda finalità è quella di creare un miglioramento generale dell’aspirazione, diminuendo la temperatura dell’aria e di conseguenza aumentando a tutti i regimi motore la coppia erogata, rispetto al modello precedente che riportava le prese d’aria sulle fiancate.

L’eliminazione delle prese d’aria sulle fiancate ha permesso inoltre di ridisegnare completamente la parte posteriore della vettura, rendendola più aggressiva ma soprattutto più efficiente dal punto di vista aerodinamico. La parte superiore delle fiancate posteriori è infatti più piatta e spigolosa, con un design che ha creato due canali che aumentano notevolmente la portata d’aria sul posteriore.
Sempre sulle fiancate, si nota la pinna inferiore posta sui brancardi di dimensioni maggiorate rispetto a prima, per migliorare l’afflusso d’aria verso i radiatori olio e dunque il raffreddamento.
Nella parte anteriore, la nuova Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO presenta un paraurti del tutto inedito. Le prese d’aria inferiori sono più ampie come pure le appendici aerodinamiche laterali (flics), che grazie a una superficie più ampia garantiscono un maggior carico aerodinamico sull’anteriore. Questo genera anche un miglioramento aerodinamico globale, con uno spostamento del bilanciamento verso l’anteriore di tre punti percentuali, per una maggior stabilità della vettura e un inserimento in curva più rapido e preciso.
I parafanghi anteriori, dal disegno più piatto e spigoloso, presentano nuove feritoie sulla parte superiore del parafango, con una louvres negativa per ridurre la resistenza all’avanzamento.
Ancora, al centro del cofano anteriore si nota una nuova presa d’aria esagonale: la sua funzione è quella di condurre aria in abitacolo per diminuire la temperatura interna e garantire una miglior ventilazione a favore del pilota.
La nuova Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO presenta novità anche nella parte posteriore, sempre con il fine di aumentare l’efficienza aerodinamica e la stabilità. I parafanghi posteriori hanno una superficie piatta e allungata verso la coda: la funzione aerodinamica è quella di garantire che lo stacco del flusso d’aria dalla coda sia sempre fisso e costante indipendentemente dal fatto che si stia percorrendo una curva o un rettilineo, sempre a vantaggio della stabilità.
Lo spoiler posteriore, posto immediatamente al di sotto della grande ala regolabile, ha una superficie più ampia e piatta rispetto al predecessore. Ciò ha consentito di lavorare sull’efficienza aerodinamica, recuperando maggior pressione e migliorando al contempo la resistenza all’avanzamento. Più in basso, i vani d’aerazione motore sono notevolmente più ampi rispetto a prima per una maggior ventilazione del propulsore, mentre i nuovi flics migliorano il flusso di uscita dell’aria dalle ruote posteriori.

L’ala regolabile posteriore poggia su nuovi piloni, sempre in alluminio, che sono più grandi rispetto ai precedenti, mentre il peso non è aumentato. Nuovi anche gli estremi laterali dell’ala posteriore, i cosiddetti handplate: hanno un disegno differente e sono di dimensioni maggiorate, per circoscrivere meglio l’azione dell’aria sull’ala e dunque aumentarne l’efficienza.

Il nuovo body kit della Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO ha generato un notevole aumento dell’efficienza aerodinamica globale – 8% in meno di resistenza all’avanzamento – che è traducibile in un netto miglioramento delle prestazioni sul giro di pista: sul tracciato di Monza, sede dei primi test di sviluppo, il nuovo modello ha segnato un miglioramento di ben 1,5 secondi rispetto alla precedente versione: 1’46”3 contro 1’47”8.

Maggiore sicurezza grazie al roof hatch
Le migliorie apportate alla Lamborghini Huracán Super Trofeo non si sono limitate all’aerodinamica, ma hanno interessato anche altri comparti. A partire dalla sicurezza, una delle priorità principali per Lamborghini Squadra Corse durante lo sviluppo dei propri modelli da competizione.
Oltre alla aumentata stabilità di marcia della vettura, la novità è rappresentata dal “roof hatch”. Già presente sul modello superiore Lamborghini Huracán GT3 per questioni regolamentari, è stato introdotto anche sul modello Super Trofeo per aumentare la sicurezza dei piloti.

Altre specifiche tecniche
Per quanto riguarda la meccanica e l’elettronica, la nuova Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO adotta un nuovo impianto di scarico su specifiche di Lamborghini Squadra Corse. La particolarità dell’impianto è una diversa sistemazione dei catalizzatori, ora posti fra terminali e collettori. Questo garantisce una migliore operatività per i tecnici dei team e un generale abbassamento delle temperature, grazie ai catalizzatori più freddi ed efficienti.

E’ stata poi modificata la pompa dell’idroguida, con livelli più elevati di servo assistenza per un miglior feedback per i piloti. Ulteriori ottimizzazioni a livello software vanno a completare il ventaglio di modifiche operate sulla vettura.
Come nel caso del precedente modello la Huracán Super Trofeo EVO adotta un’evoluzione del propulsore V10 aspirato di 5.2 litri derivato dalla Huracán stradale, con potenza elevata a 620 cavalli. La trasmissione è sulle ruote posteriori e il cambio è un sequenziale a 6 rapporti della X-Trac.
Il comparto elettronico può contare su ABS della Bosch Motorsport e Traction Control della Motec, entrambi regolabili in 10 posizioni attraverso i rispettivi pomelli al volante.

Il prezzo della nuova Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO è fissato in 235.000 euro, tasse escluse. La vettura farà il suo debutto ufficiale in pista nella primavera del 2018 nelle tre serie continentali del Lamborghini Super Trofeo, Europa, Asia e Nord America, dove tutte le vetture schierate saranno in configurazione EVO.
I team che sono in possesso della versione attuale della Huracán Super Trofeo, avranno l’opportunità di acquistare il body kit aerodinamico per aggiornare la vettura alle nuove specifiche.

Scritto da admin

40 anni di BMW e Mini Driving Academy

Ad Aragon, grande pole per Maverick Vinales, terzo Rossi