in

Il prezzo dell’usato scende . . .

Tempo di lettura: 2 minuti

AssicurazioniSognare non costa nulla. Lo sanno bene gli italiani per i quali l’automobile è qualcosa di più di un semplice mezzo di trasporto. Un’ulteriore conferma di quanto la passione per i motori espressa dai nostri connazionali prevalga sul giudizio razionale, proviene da una nuova ricerca commissionata da AutoScout24.

Secondo lo studio, che ha voluto indagare il comportamento di chi si accinge ad acquistare un veicolo, per il 60,2% del campione (circa 8 mila persone), la ricerca di un’auto parte dal modello o dal marchio. Il budget a disposizione, invece, è considerato elemento essenziale quando si inizia a cercare un veicolo soltanto dal 39,8% degli intervistati.

Attenzione però, perché il tema economico torna prepotentemente in auge in un secondo momento. È vero che gli italiani sono attirati nella primissima fase più dalle linee sinuose di una carrozzeria o dal blasone della casa automobilistica che dalla convenienza, ma quando ormai la decisione è stata presa e l’acquisto si avvicina, si torna con i piedi per terra e si guarda al conto in banca.

Nel 2015, infatti, ben il 69% degli intervistati ha dichiarato di aver preso in considerazione l’usato, il 19% ha cercato una Km 0 e soltanto il 12% un veicolo nuovo. Nel raffronto con l’anno precedente emerge un altro dato interessante: la percentuale dell’usato era ben più alta, il 72%, e quella del nuovo leggermente più bassa, all’11%. Insomma gli italiani stanno riprendendo ad acquistare vetture appena sfornate dalla fabbrica.

La conferma viene anche da un altro dato.L’AGPI di maggio, l’indice di AutoScout24 che misura il costo medio di tutte le oltre 350.000 inserzioni, è sceso, infatti, di un altro 1,3%, come ad aprile, e si è fermato a 12.326 euro, contro i 12.785 del mese precedente. Procede quindi la corsa al ribasso del costo medio dell’usato, chiaro segnale della ripresa del mercato del nuovo.

Nessuna novità anche a maggio sul fronte delle auto più ricercate. La classifica, come accade da mesi, parla tedesco: la BMW Serie 3 si conferma prima seguita dalla Volkswagen Golf. Al terzo posto un altro modello del gruppo casa di Wolfburg, l’Audi A3. Nessuna traccia di modelli di casa nostra fra i primi dieci posti.

Tedesco anche il modello che invece ha registrato il maggiore aumento di richieste: stiamo parlando della Opel Adam con il 24,3%, seguita dalla Mini Cabrio (+8,8%). Del resto l’estate è alle porte e il fascino delle scoperte si fa sentire.

Fonte Autoscout24

Scritto da admin

Nico Terol lascia l’ Althea Racing Team

Garmin Camper 660LMT-D