in

Il Team Gresini prova sul circuito di Motegi

Tempo di lettura: 2 minuti

Il sole ed un’ottima temperatura ha accompagnato i primi due turni di prove libere sul circuito giapponese di Motegi. Bene per Alvaro Bautista pur lamentando ancora qualche problema di saltellamento sull’anteriore che lo ha messo in difficoltà. La poca confidenza con la moto non è stata di grande aiuto soprattutto nelle numerose staccate presenti sul tracciato di Motegi. La notte porterà consigli e per domani  si cercheranno le soluzioni adeguate per dare ad Alvaro una moto che gli consenta di ritrovare la fiducia necessaria per spingere come vorrebbe. Simili i problemi anche per Michele Pirro ed anche per lui il lavoro dei tecnici si concentrerà per migliorare la stabilità della sua moto nelle numerose staccate del circuito giapponese.

Michele Pirro (18° 1’ 49” 770) “Questa è una pista dove serve una buona stabilità in frenata e noi abbiamo ancora qualche punto dove migliorare per avere maggior fiducia nelle staccate. Dopo i due turni fatti con pista asciutta abbiamo raccolto le informazioni che ci permetteranno di intervenire per risolvere questo problema ed essere più competitivi. ”

Alvaro Bautista (8° 1’ 46” 983) “Non siamo riusciti a trovare quello che cercavamo. Questa mattina abbiamo provato un ammortizzatore ed una forcella diversa ma il problema di saltellamento nelle forti staccate non si è risolto. Nel pomeriggio abbiamo scelto un’altra strada da percorrere per migliorare la stabilità ma la soluzione non è arrivata. Purtroppo su questa pista dove ci sono tantissime staccate non ho la fiducia necessaria per frenare ed impostare la curva come vorrei. Oggi abbiamo usato la gomma dura con la quale non avevo un grip eccellente e domani valuteremo anche la morbida e poi faremo la scelta nella speranza che sia quella giusta. Il nostro obiettivo primario rimane però quello di migliorare la fiducia sull’anteriore.”

Fausto Gresini “Alvaro è andato bene pur lamentando il solito problema di “jumping” sull’anteriore. Ritengo che sia comunque stato un turno positivo perché lui, al contrario di altri, non ha usato la gomma morbida. Sicuramente su questa pista siamo partiti meglio che altrove e con un buon ritmo pertanto se risolveremo i problemi che condizionano Alvaro nelle frenate potremo far bene. Stesso problema anche per Michele perché ha un fastidioso piccolo “chattering” che lo rallenta nelle frenate e pertanto lavoreremo per cercare di risolvere questo inconveniente. ”


Scritto da admin

Porsche Cayenne Turbo S

Mercedes Benz è client of the year 2012