in ,

Suzuki, Subaru, Daihatsu, Mazda e Toyota insieme per una nuova comunicazione

Suzuki Motor, Subaru, Daihatsu, Toyota e Mazda hanno sottoscritto un nuovo accordo per sviluppare insieme le specifiche tecniche

Tempo di lettura: 2 minuti

Suzuki Motor, Subaru, Daihatsu, Toyota e Mazda hanno sottoscritto un nuovo accordo

Si tratta di una collaborazione per sviluppare insieme le specifiche tecniche per i dispositivi di comunicazione dei veicoli di nuova generazione, al fine di standardizzarne l’uso e conseguire, nell’ottica delle economie di scala, una ottimizzazione dei costi: Suzuki, Subaru, Daihatsu, Toyota e Mazda si alleano.

Oggi l’industria automobilistica sta subendo importanti trasformazioni e nello stesso tempo compiendo passi da gigante nella sfera della connessione, in riferimento  alla comunicazione e al trasferimento dei dati, inclusi i servizi cloud, IoT, big data e AI.

In questo settore, ogni casa automobilistica sta sviluppando autonomamente i diversi dispositivi di comunicazione fra i veicoli, e pur se a volte vengono utilizzati gli stessi servizi di connessione, come possono essere le funzioni di azionamento a distanza, ogni azienda sviluppa un proprio protocollo sulla base delle risorse disponibili.

Suzuki, Subaru, Daihatsu, Mazda e Toyota insieme per una nuova comunicazione

Suzuki

Per integrare al meglio le azioni di ogni singola casa automobilistica, una cooperazione nel settore, pur lasciando le aziende libere di agire al proprio interno, possono tramutarsi in servizi di connessione più sicuri e convenienti, raggiungendo una maggiore efficienza che significa miglior sviluppo dei dispositivi di comunicazione dei veicoli.

Pur se le tecnologie già sviluppate dalla Toyota, ad oggi, continuano ad essere usate dalle altre case costruttrici, Suzuki, Subaru, Daihatsu e Mazda daranno vita, insieme, a nuovi sistemi di  connessioni sia per le auto che per le reti.

Questa cooperazione porta un duplice vantaggio: le aziende potranno ridurre gli oneri di sviluppo, ottimizzando le risorse disponibili, ed i clienti potranno avere a disposizione servizi di connessione più potenti, con chiamate più chiare tra cliente ed operatore, ma soprattutto con una maggiore velocità di connessione, parlando tutti gli autoveicoli uno stesso linguaggio.

Una partnership che sicuramente non potrà che giovare al settore dell’automotive, grazie ad una nuova tecnologia innovativa.

Giuseppe Lasala
Ultimi post di Giuseppe Lasala (vedi tutto)

Scritto da Giuseppe Lasala

Manager con svariata esperienza nel settore contabile ed amministrativo, da sempre appassionato di motori, segue per ReportMotori il segmento automotive e tutto ciò che concerne il lancio di nuove proposte.

Alfa Romeo Stelvio 2022

Alfa Romeo Stelvio 2022: sarà un SUV ibrido?

Renault Captur Hybrid E-Tech

Renault Captur Hybrid E-Tech: il SUV ibrido è disponibile anche con allestimento R.S.Line