in

Patente in scadenza a fine 2020 – Attenzione alle regole

Tempo di lettura: 2 minuti

In virtù della diffusione della pandemia Covid-19, in seguito al lockdown della scorsa primavera e dei DPCM che si sono succeduti da allora fino ad oggi, sono state poste in essere dei rinvii alla patente in scadenza a fine 2020

Il sito della Polizia di Stato è abbastanza esauriente sulla tempistica  e sulla proroga della validità della patente in scadenza a fine 2020

Patente in scadenza

E’ necessario far riferimento ai periodi di scadenza: in particolare le patenti scadute nel periodo compreso tra il 31 gennaio 2020 e il 31 maggio 2020, sono prorogate nella validità  fino al 31 dicembre 2020, anche ai fini della guida.

Ad esempio una patente in scadenza dal 1 giugno 2020 al 31 agosto 2020…

Sono prorogate nella validità per i 7 mesi successivi alla scadenza indicata sulla patente, e tale proroga vale anche ai fini della guida.

Infine, le patenti in scadenza nel periodo compreso tra 1 ° settembre 2020 e il 31 dicembre 2020 sono prorogate nella validità  fino al 31 dicembre 2020 ,  anche ai fini della guida.

Per chi non osserva le regole indicate, nel casco di patente in scadenza entro…

Le conseguenze possono essere abbastanza gravi: in caso di incidente, senza che la patente sia stata prorogata, colui che ha causato il sinistro subisce la rivalsa della Compagnia di Assicurazione.

In altre parole la propria Compagnia paga i danni conseguenti al sinistro, ma poi chiede all’assicurato che non ha rinnovato la patente di rimborsagli quanto da lei anticipato.

Ed il rimborso richiesto è elevato soprattutto se nell’incidente sono state perse delle vite umane.

A volte, ma dipende molto dalle Compagnie, se la patente è scaduta da meno di tre mesi e ci si mette in regola entro il mese successivo, la rivalsa può non essere effettuata.

In questo caso scatta una sanzione pecuniaria di 160 euro, ma, purtroppo, c’è il ritiro della patente.

Diverso invece è il caso di chi viene sorpreso alla guida senza aver mai conseguito la patente: la sanzione pecuniaria è di 5.110 euro oltre al fermo amministrativo della vettura per tre mesi.

Nel caso si è sorpresi a commettere lo stesso reato nei due anni successivi , è prevista la reclusione fino ad un anno. Le stesse regole valgono anche se si guida dopo che la patente è stata revocata.

Giuseppe Lasala

Scritto da Giuseppe Lasala

Manager con svariata esperienza nel settore contabile ed amministrativo, da sempre appassionato di motori, segue per ReportMotori il segmento automotive e tutto ciò che concerne il lancio di nuove proposte.

Opel Mokka-e

Mokka-e sbarca in Inghilterra con il marchio Vauxhall

Nuovo DPCM 24 ottobre - Revisione Auto

Revisione scaduta – Ecco cosa succede