Menu

Toyota RAV4 Hybrid AWD-i 2019: l’ibrida evoluta!

Toyota RAV4 Hybrid è avveniristica!

Un semplice aggettivo che descrive al meglio la nuova generazione della Toyota RAV4 Hybrid , un SUV decisamente fuori dal comune, per contenuti e consumi. 

Era il 1994 quando il primo Sport Utility Vehicle del marchio automobilistico giapponese arrivava in Europa lanciando letteralmente una nuova moda. 

Un segmento di mercato fino ad allora inesplorato, Toyota venderà oltre 8,5 milioni di esemplari di RAV4 , un successo senza precedenti. 

Toyota RAV4 Hybrid AWD-i 2019

Ibrida…
Arriva in Italia con una unica motorizzazione, quella ibrida, ma con due differenti trazioni, una 4×2 ed una 4×4, quest’ultima oggetto della nostra prova su strada e con tre differenti allestimenti, Active, Style e Lounge. 

Un motore da 2,5 litri, benzina, che lavora in abbinamento ad un’unità elettrica da 88 kW per un totale di 222 cavalli per la versione integrale 4×4 e 218 cavalli per la trazione anteriore 2WD. 

Per entrambe le “motorizzazioni” è disponibile unicamente la trasmissione automatica con cambio CVT. 

Piattaforma TNGA GA-K
E’ questa la vera novità, la nuova RAV4 è realizzata sulla base della piattaforma TNGA GA-K.

Rispetto alle versioni “normali”, ha un baricentro più basso e vanta una maggiore rigidità torsionale unitamente ad una elevata resistenza. 

Questa novità ha permesso al tempo stesso di ottenere anche un notevole spazio interno, uno dei migliori della categoria considerata anche la lunghezza totale del SUV giapponese: in soli 4,6 metri riesce ad offrire una capacità del vano bagagli di ben 580 litri!

Per quanto riguarda le prestazioni pure, la nuova RAV4 Hybrid raggiunge una velocità di 180 km/h (autolimitata), con uno scatto da 0 a 100 km/h in 8,4 secondi per la 2WD e 8,1 secondi per la 4WD.

Note tecnica di rilievo merita l’assenza dell’albero di trasmissione e la presenza di un motore elettrico che trasferisce la coppia, in base alle richieste di potenza, con il recupero dell’energia in frenata convertita in energia cinetica e conseguentemente in coppia. 

Dotazione da ammiraglia
Non c’è molto da aggiungere, anche attingendo dalla classica lista degli accessori (optional), la nuova Toyota RAV4 Hybrid AWD-i ha proprio tutto!!!

Climatizzatore bizona, selleria in pelle, sedili anteriori a regolazione elettrica, fari a LED, schermo touch screen da 8 pollici, retrocamera, cerchi da 18 pollici e vernice metallizzata. 

Interessante ed utile soprattutto in condizioni di scarsa visibilità, lo specchietto retrovisore con telecamera, con un semplice tasto, vengono proiettate le immagini prelevate dalla retrocamera posteriore con una qualità incredibile. 

Prova su strada
Tanta tecnologia, tanta innovazione per un SUV che vuole colpire per la sua concretezza, per la sua sostanza. 

La nuova Toyota RAV4 Hybrid ha una quantità tale di sistemi di assistenza alla guida ADAS , da rendere praticamente del tutto confortevole e sicuro qualsiasi spostamento, dal monitoraggio dell’angolo cieco attraverso una spia posta all’interno degli specchi retrovisori esterni al controllo attivo della velocità di crociera, fino alla segnalazione del cambio di carreggiata, l’elettronica attiva vigila e non solo.

La presenza degli oltre 200 cavalli si fa sentire in piena accelerazione, nonostante una mole sicuramente non da city car, la spinta è considerevole, con la potenza che non è mai brutale ma costante nella sua erogazione. 

Le sospensioni sono morbide, l’assetto privilegia sostanzialmente il comfort di marcia e tende ad assorbire perfettamente le asperità stradali, con un rollio moderato ma che infonde sicurezza. 

La presenza del cambio a variazione continua tende inevitabilmente a far salire il numero dei giri del motore, occorre qui dosare l’acceleratore, per sfruttare appieno la presenza dell’unità elettrica e per usufruire dei vantaggi, in termini di resa chilometrica e di efficienza, dell’alimentazione plug-in hybrid. 

La nuova Toyota RAV4 Hybrid sicuramente è un’auto che punta sulla sostanza, con una dotazione completa ed una tecnologia che vede ancora una volta il marchio giapponese essere in prima fila per quanto riguarda le alimentazioni ibride. 

Marco Lasala
marco.lasala@reportmotori.it 

ReporTMotori TV

Newsletter